Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Le sorprese di Mihajlovic sembrano davvero infinite. E a volte tendono a mettere in crisi convinzioni assodate. Come quella che tutti ci eravamo fatti per cui Massimo Marazzina potesse essere oramai fuori dai giochi, oggetto del mercato più che del Bologna, un po’ il capro espiatorio di una situazione difficile nella quale lui, che fa fatica a sentirsi a posto se non è la prima donna, sembrava poter essere la soluzione di tutti i mali. In molti hanno detto con la Lazio era in tribuna e più che con Arrigoni tutti hanno dato il massimo contro Marazzina, poi la sua mancata convocazione a Reggio Calabria, che confermava come anche per Mihajlovic il giocatore fosse una sorta di elemento estraneo. Poi da ieri, confermata anche dopo la partitella in famiglia di oggi, la nuova possibilità: Di vaio dovrebbe giocare in avanti con Marazzina per dare più consistenza all’attacco del Bologna. I due insieme fino a questo momento hanno combinato ben poco, ma è chiaro che il nuovo tecnico vuole verificare un po’ tutte le situazioni anche perché per la prima volta può contare sulla rosa al completo eccetto la squalifica di Zenoni, che porta a giocarsi un posto diversi candidati. Anche oggi Moras si è allenato a parte, ma il tecnico più che su Marchini e Lavecchia nel ruolo di difensori sembra preferite Terzi, che da difensore di fascia ha comunque già giocato, con Moras o Castellini accanto al riconfermato Britos. Fermo per un piccolo problema Coelho, il tecnico ha provato Valiani a destra, con Cesar esterno di sinistra e Mingazzini accanto a Mudingayi a centrocampo. Un motivo in più per pensare al 4-4-2 è che sarà questo il modulo adottato da Novellino nella sua seconda avventura in granata e quando è possibile anche a Mihajlovic piace poter giocare alla pari con la squadra avversaria. Intanto sul fronte mercato continuano le voci. Sembra una sorta di margherita il nome dell’attaccante, da Balotelli a Pazzini, da Osvaldo a Bonazzoli fino a Corradi o Caracciolo. Un po’ meno folta la lista dei difensori, con l’interista Rivas su tutti se è perfettamente recuperato, mentre il romanista Loria rimane una valida alternativa.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.