Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La situazione del Paladozza diviene giorno dopo giorno sempre più una lunga e perigliosa telenovela. Al momento si è in attesa che il Comune di Bologna effettui lo sgombero del palasport, dopo aver giudicato inammissibile la posizione dell’attuale gestore Gilberto Sacrati, patron della Fortitudo Pallacanestro, moroso da anni ed accusato pure di aver fatto divenire il contenitore di piazza Azzarita solo in minima parte un impianto sportivo come invece la convenzione prevedeva espressamente. Il passo successivo sarà (o a questo punto è meglio dire sarebbe) l’affidamento della struttura alla nuova Fortitudo di Giulio Romagnoli; ma c’è chi, invece, pare pensarla del tutto diversamente. Che anche la Virtus, nella persona del proprietario Claudio Sabatini, sia interessata al PalaDozza non è certo una novità: e, per evitare che il Comune di Bologna faccia subentrare Giulio Romagnoli nell’ATI (Associazione Temporanea d’Impresa), di fatto prendendo in tutto e per tutto il posto di Gilberto Sacrati, Sabatini continua a chiedere l’utilizzo dell’impianto di Piazza Azzarita. In questo modo dimostrerebbe che la nuova Fortitudo non è l’unica utilizzatrice sportiva dell’impianto, ed avrebbe le carte in regola per poter chiedere a sua volta la gestione del concupitissimo palasport. La partita (l’unica, finora) per la quale Sabatini ha richiesto il Paladozza è l’ultima di regular season, giovedì 12 maggio alle 20.30 contro Teramo. Quel giorno la Futurshow Station di Casalecchio (di proprietà di Sabatini stesso) sarebbe teoricamente impegnata per un altro evento: in verità non è stato specificato quale. Il Comune di Bologna nicchia, ed è facile capire il perché: essendo Sabatini proprietario o gestore della Futurshow Station di Casalecchio, del Cierrebi Club di via Marzabotto, della Virtus di via dell’Arcoveggio (costruita tra l’altro su terreno di proprietà comunale), e pure dell’impianto di Ozzano Emilia, è davvero difficile ipotizzare che gli venga affidato pure il Paladozza, in barba alla par condicio che dovrebbe esistere tra le realtà sportive del territorio. A breve avremo di certo nuove puntate dell’appassionante ed infinita telenovela.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.