Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Si è svolta a Riale di Zola Predosa
una Gara interregionale di dama italiana, organizzata dal Circolo Damistico “Giovanni Falcone” in collaborazione con la Delegazione provinciale FID di Bologna. Alla importante manifestazione sportiva disputata sulla damiera da “64 caselle” avevano concesso il Patrocinio: la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Bologna, il CONI di Bologna ed il Comune di Zola Predosa. Alla competizione damistica hanno preso parte un centinaio di giocatori provenienti da tutta Italia, così ripartiti:
1° Gruppo 18 giocatori
2° Gruppo 28 giocatori
3° Gruppo 31 giocatori
Gara giovanile 11 giocatori.
Tanti i motivi di attrazione per una raduno che si può definire storico, perché da decenni alle falde del Colle della Guardia non si concentravano tanti talenti di questo sport della mente; erano presenti all’incontro zolese ben tre “Grandi Maestri”: Michele Borghetti, Marcello Gasparetti e Paolo Faleo. Michele Borghetti da Riale a Cleveland
Ha tenuto banco il pluricampione livornese “Miki” Borghetti che pur non scendendo in competizione, si è esibito in alcune partite bendato nelle quali è stato filmato e messo in rete su “youtube”. Il fuoriclasse azzurro, sfidante al titolo mondiale di dama inglese, la prossima estate volerà negli Stati Uniti per tentare la scalata al titolo iridato. Il damista toscano dal 13 al 23 agosto 2011 a Cleveland, nell’Ohio, affronterà Alex Moiseev, in un confronto composto da quaranta turni, con quattro partite al giorno; la manifestazione è curata dall’ACF – “American Federation Checker”, un’organizzazione non-profit che ha la struttura direttivo centrale negli USA. Il GM Michele Borghetti nell’agosto del 2003 è riuscito a stabilire un record del mondo, riconosciuto dalla FMJD – World Draughts Federation: giocare alla cieca contro 23 giocatori, ottenendo 17 vittorie e 6 pareggi, per un totale di oltre sei ore di concentrazione assoluta. Il fuoriclasse italiano è figlio del Presidente della Commissione Tecnica della Federdama Gianfranco Borghetti, una persona dotata di straordinarie capacità matematiche, infatti possiede eccezionali facoltà di calcolo mentale, di cui dà frequentemente ampia dimostrazione nelle gare di dama che arbitra: per la rapidità e precisione con cui esegue accoppiamenti, e sostituendosi al computer, calcola quozienti, stila classifiche.
L’andamento diverse competizioni di Zola Predosa
La giornata di gare nella ridente località adagiata fra la pianura e le colline sormontate dal Monte Capra e dal Monte Rocca è iniziata alla mattina alle ore 9 ed ogni damista ha disputato nell’arco della giornata sei turni di gioco. La conclusione del torneo è avvenuta alle ore 17.30; tutte le partite sono state molto combattute fino all’ultimo pezzo e al termine di ogni incontro non sono mancati commenti e discussioni fra i damisti.
· Nel “1° Gruppo” vittoria il GM Marcello Gasparetti
Nel “1° Gruppo” vittoria del GM Marcello Gasparetti, tesserato per il “CD Romano”, ma che da anni vive all’ombra delle Due Torri. La piazza d’onore è stata appannaggio del damista messinese Michele Majnelli tesserato per il CD di Aosta; terzo posto per il GM Paolo Faleo che è l’anima del movimento damistico della Valle d’Aosta.
· Nel “2° Gruppo” affermazione del reggiano Benito Suozzi
Nel “2° Gruppo” affermazione del Maestro emiliano Benito Suozzi, in forza alla Società Damistica “Il Buco Magico” della Città del Tricolore; secondo posto per il Candidato Maestro Pietro Giovanni Rosetti del CD “Giovanni Falcone” di Bologna; terza piazza per il damista trentino CM Diego Tranquillini del “Dama Mori”.
· Nel “3° Gruppo” successo del veneto Alessio Scaggiante
Nel “3° Gruppo” affermazione del veneto Alessio Scaggiante dell’”Energya Fitness Club” di Treviso, che ha preceduto il trentino Luigi Pomarolli; il terzo posto è stato appannaggio del zolese Massimo Fallavena.
· La competizione giovanile vinta da Arrigo Denian
Nella manifestazione di dama giovanile che ha coinvolto soprattutto giovani damisti del territorio zolese vittoria di Arrigo Denian, che ha preceduto Federico Ricci, mentre terzo si è classificato Francesco Corbetta.
La cerimonia di premiazione aperta con l’Inno di Mameli
A conclusione dell’intensa giornata dopo le note dell’Inno di Mameli, come sta diventando usanza delle manifestazioni damistiche emiliane, ha avuto luogo la premiazione dei giocatori piazzati nei primi sette posti di ogni “Gruppo”. Alla cerimonia conclusiva hanno presenziato: il GM Michele Borghetti, Alessandro Ansaloni, Assessore alle Politiche Giovanili e allo Sport del Comune di Zola Predosa, Gianfranco Borghetti, Arbitro Internazionale di dama, Silvano Cavallini, Delegato regionale FID Emilia – Romagna, Mauro Tinti, Vicepresidente provinciale del CONI di Bologna, Cosimo Crepaldi, Direttore di gara, Valter Mazzali, Delegato provinciale FID di Parma, Floriano Roncarati, Delegato provinciale FID di Bologna, Federico Piras, della Commissione Tecnica Problemistica della Federdama, Giancarlo Cassanelli, Presidente del Centro socio-culturale “G. Falcone” e Mirella Zappalà, Presidente del Circolo Damistico “Falcone” di Zola Predosa.
La Mostra “Storia della Federazione Italiana Dama a Bologna 1960 – 2010”
In occasione della competizione damistica zolese sono stati esposti i pannelli della “Storia della Federazione Italiana Dama a Bologna 1960 – 2010”; la mostra è stata allestita per contribuire alla conoscenza storica del movimento damistico petroniano che lo scorso anno ha celebrato il Cinquantenario di fondazione della FID – Federazione Italiana Dama avvenuto all’ombra delle Due Torri nel lontano 1960.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.