Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Soltanto due giorni fa, in piazza del Nettuno, le vedove delle “vittime della crisi” gridavano la loro disperazione, ricordando chi si è tolto la vita schiacciato dai debiti, e la loro rabbia contro una politica troppo distante dai problemi della gente. Oggi è un altro giorno grigio per Bologna: l’ennesimo uomo è caduto sotto i colpi della crisi, si è tolto la vita in casa, il giorno dello sfratto. 59 anni, imprenditore edile, separato, con figlie grandi, residente in via dei Mille, nel centro storico, da quattro anni. Oggi era l’ultimo giorno in quella casa, a breve sarebbe arrivato l’ufficiale giudiziario per notificare lo sfratto. E’ stato quest’ultimo a trovare l’uomo cadavere nell’appartamento. Nessuno rispondeva al citofono e l’ufficiale ha chiamato la Polizia. Sono intervenuti gli agenti con il proprietario, che aveva le chiavi di casa e hanno trovato l’uomo riverso a terra. Si è ucciso con un colpo di fucile, arma regolarmente detenuta. Il vicino non ha sentito nulla. Si indaga sulla dinamica dei fatti: non è chiaro se si sia sparato quando ha sentito il citofono o prima. In casa sarebbero stati trovati dei biglietti.

Categoria: Cronaca
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.