Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Prove tecniche di LegaDue, emozioni in quantità con la fiera degli ex e dei matrimoni mancati e finiti. Spettacolo garantito, da non perdere assolutamente per gli amanti del ‘baloncesto’ romagnolo. E’ il Trofeo “MT Distribution Città di Castello”, di scena da oggi presso il Palasport Roberto Ferrari di Castel San Pietro, organizzato dalla Summer League Imola in collaborazione con la A.S.D. Home di Castel San Pietro.
Si comincia alle 20, con la prima semifinale tra Crabs e Carmatic Pistoia, e poi, intorno alle 22, sarà la volta di Aget Imola – Banco Sardegna Sassari. Domani sera le finali: alle 20 quella per il terzo e quarto posto, a seguire la finalissima e le premiazioni.
Rimini – Pistoia Occhio alle sorprese. Perché Crabs e Carmatic potrebbero davvero esserlo, nella prossima LegaDue ai nastri di partenza il 5 ottobre. Il precampionato dei ragazzi di Galli e di quelli di Lasi è cominciato nella stessa maniera, coi fuochi d’artificio.
Cinque assaggini, e cinque successi totali, per le due contendenti: Rimini, dopo aver conquistato il Trofeo San Marino sulla Carife Ferrara, ha strapazzato sia Forlì che un’incompleta Imola, mentre i toscani hanno espugnato Ferrara alla prima uscita (86-91), confermando i progressi distruggendo, pochi giorni dopo a Viareggio, anche la presunta corazzata Varese (72-47).
Tutta roba prematura, direte voi. Può darsi, ma l’idea è che i due gruppi siano stati costruiti molto bene: stasera sarà assente German Scarone, ancora alle prese con la peritendinite al tendine d’achille che lo tormenta da circa una settimana. “Ha voluto strafare, perché lui è così – lo ‘bacchetta’ il dottor Corbari – e adesso gli tocca stare fermo. L’ecografia (svolta ieri, ndr) ha confermato ciò che pensavamo: è un’infiammazione, bisogna andarci cauti e valutare giorno per giorno”.
Al completo, invece, la truppa pistoiese, coi nuovi acquisti che nelle prime uscite hanno ben impressionato: trattasi del play Brent Darby, ex Sassari, dell’ala piccola lituana Kazlauskas (26 punti e 6 bombe contro Ferrara), e delle guardie italiane Infanti e Rabaglietti.
Imola – Sassari Quanti ricordi, quanti ex. Si fa fatica a contarli, sull’asse romagnolo – sarda. Un nome sopra tutti, Demis Cavina, per due stagioni alla guida dell’Andrea Costa e ancora rimpianto dai tifosi imolesi. Alla seconda stagione nell’isola, Demis ha puntato sulla continuità confermando 6/10 del roster che chiuse al terzo posto la passata regular season, inserendo nel motore il talento del play Usa Rowe e nel pitturato due vecchie conoscenze Aget, Andrea Iannilli e Peter Ezugwu.
Dopo l’esordio devastante contro la Russo Cagliari (A Dilettanti), sono arrivati il ko ‘prematuro’ contro la Reyer Venezia (68-71, partita sospesa a 90” per parquet impraticabile…) e la vittoria sulla Fastweb Casale Monferrato per 84-80.
Massimo Bianchi, che dovrà fare a meno sicuramente di Iversen (ancora impegnato con la Danimarca nelle qualificazioni europee) e molto probabilmente di Joe Bunn, sofferente ad una caviglia e per questo a riposo da un paio di giorni, punta tutto sull’entusiasmo di Loren Stokes, la guardia americana che si è ben presentata segnando 23 punti (con 5/6 da tre) all’esordio contro Livorno, battuto 81-80 dall’Aget nel 38esimo Trofeo Andrea Costa. In precedenza, Imola aveva battuto alla prima uscita l’Acmar Ravenna (90-59) per poi naufragare sotto i colpi dei Crabs.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.