Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ molto deluso, Massimo Galli, al termine di una partita cominciata bene, proseguita male e finita in maniera beffarda, con una Sassari più concreta nei momenti clou mentre Rimini sbagliava troppe volte il possibile tiro del cambio di inerzia.
“Si, c’è rammarico – dice il coach dei Crabs – soprattutto per non aver concretizzato quanto creato nel primo tempo, e in particolare nel primo quarto. Avevamo cominciato bene, toccando anche il +11 (32-12 al 12’), poi un paio di leggerezze proprio sulle transizioni di Sassari, che sapevamo essere molto pericolosa in campo aperto, ci sono costate il loro break di 8-0 che ha rimesso in bilico le cose. Vista la valutazione dei primi 20’ (53-37 Rimini, ndr), avremmo meritato di chiudere con alcuni punti di vantaggio, invece siamo finiti addirittura sotto”.
Nella ripresa c’è stato un lungo inseguimento, col Banco sempre sopra e i Crabs li, a soffrire e tentare una svolta che non arrivava mai. Sul 70-71 a 3’ dalla fine, quei tre tiri da tre – di Scarone – tutti sul ferro che purtroppo consegnavano il match ai ragazzi di Cavina.
“Non posso rimproverare nulla ai miei in quanto a intensità ed energia – continua Cedro – e dico che ci manca cinismo e lucidità, e dobbiamo cercare di trovarli al più presto. I tiri di German? Discutere le sue scelte mi sembra davvero pretenzioso, ci ha fatto vincere miriadi di partite per cui mi sembra logico che si prenda certe responsabilità”.
Malissimo, invece, il duo Pinton – De Pol (-6 di valutazione in coppia), così come ha confermato i suoi progressi Rinaldi e il tandem Goss – McCray ha tenuto la baracca in piedi nei momenti più difficili. Peccato che, anche a causa dei troppi rimbalzi offensivi concessi, alla fine ci si specchi in un ultimo posto in classifica.
“Lavoreremo ancora più duramente, se così non basta, perché la classifica la guardiamo e non ci piace: vogliamo toglierci al più presto dal fondo. De Pol e Pinton sono in un momento di insicurezza, nel quale non riescono a dimostrare il loro valore. Sta a me spronarli e metterli in condizione di farlo. Sono molto contento invece per Rinaldi, che deve continuare su questa strada e per noi ora è un vero fattore. Ma il primo a metterci la faccia sono io, e vi garantisco che faremo di tutto per riprenderci al più presto”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.