Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20150317.mp4
Brutta notizia dall’infermeria per il Bologna: l’infortunio a nando Coppola è più grave delle attese visto che si tratta di una lesione al retto femorale di secondo grado e dunque saranno almeno 30-40 i giorni nei quali il numero uno mancherà e così si potrà continuare a vedere all’opera Angelo Da Costa. Nel suo esordio domenica al Dall’Ara ha dato prova di grande affidabilità e dunque l’impressione è che il Bologna possa viaggiare sul velluto almeno per quanto riguarda il portiere. Continueranno le diverse assenze: quella dell’ex di turno, Matteo Mancosu, fermo così come i compagni Kristicic e Acquafresca oltre allo squalificato Casarini.Non solo Coppola, ma pure Maietta salterà la partita di Trapani a causa di uno stiramento senza lesione muscolare del semimembranoso della coscia destra. Per lui 7/10 giorni di terapie specifiche prima di tornare con i compagni. Dunque se non ci saranno particolari complicazioni il difensore dovrebbe saltare soltanto l’incontro di sabato prossimo a Trapani, per poi riproporsi per l’appuntamento casalingo del 28 marzo con il Livorno.
Dopo il defaticamento di lunedì, questo pomeriggio si è svolto il primo vero allenamento verso la partita con il Trapani, la squadra Siciliana che è all’opposto del Bologna che nelle ultime dodici partite con 25 punti è stata la migliore, con i soli dieci punti naviga nelle parti basse di questa speciale classifica e sarebbe addirittura ultima se non avesse ottenuto una vittoria che le ha dato un bel respiro all’ultima di campionato con la Ternana.
Visto l’infortunio a Coppola si è aggregato al gruppo dei portieri oltre a Sarr anche Mirco Albertazzi l’altro portiere della squadra Primavera. La seduta si è svolta a reparti, con i difensori, seguiti direttamente da Lopez, mentre i centrocampisti e gli attaccanti hanno svolto esercitazioni di tiri. Prima centralmente con cocnlusioni dal limite, poi accentrandosi dalla fascia, quindi da dentro l’area con cross dalla parte opposta ed infine con le sagome. La seduta si è conclusa con la consueta partitella a campo ridotto. Se da una parte la squadra era schierata con il consueto 4-3-1-2, con Mbaye, Ferrari, Gastaldello e Morleo in difesa, Casarini, Perez, Buchel a centrocampo, con Bessa davanti a Troianiello e Cacia. Nell’altra squadra il centrocampo era leggermente diverso, con Matuzalem schiacciato davanti alla difesa, quindi Zuculini e Laribi come mezzale quasi all’altezza di Sansone che agiva dietro a Calabrese e Improta. Domani ultima seduta a porte aperte dei rossoblù prima degli ultimi allenamenti lontano da occhi indiscreti

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.