Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Quale male sta affliggendo il Bologna che dopo aver vinto tre partite in quattro incontri sembrava aver definitivamente risolto la bulimia della gestione Bisoli? Probabilmente ai rossoblù la gestione in sicurezza fa male. Quando si comincia a respirare non si riesce più a mantenere quella tensione che è da tempo l’arma in più della squadra. Però bisogna cercare una soluzione. Aver preso gol in contropiede a pochi minuti dalla fine dice che la squadra non solo non crea gioco e sviluppa poche conclusioni, ma non è neppure lucida nel difendere un risultato che comunque avrebbe mosso la classifica e non minato le poche certezze che la squadra aveva acquisito.

Intanto, mentre i pseudo titolari cominceranno a preparare la trasferta di Cagliari, le seconde linee stanno studiando il crotone per la partita di coppa Italia di mercoledì alle 15. Questa mattina sono stati provati Agliardi in porta, Garics e crespo terzini sulle fasce, Rickler e Cherubin, poi sostituito da Loria per un trauma discorsivo da verificare domani al centro, a centrocampo Taider, Krhin e Casarini, con Diamanti dietro a Gimenez e Vantaggiato. Intanto, se da un punto di vista tecnico ci può essere il vantaggio di anticipare di qualche ora un impegno di metà settimana, dall’altra bisogna fare il conto con la rabbia dei tifosi, che non possono accettare che per pochi spiccioli derivanti dalla diretta televisiva si possa giocare un incontro in pieno orario lavorativo: “Il Centro Bologna Clubs – in un comunicato -esprime una forte critica per come è gestito il calcio che sta subendo e subirà sempre più gli effetti di una politica miope che esclude i tifosi da ogni decisione, costretti a subirne gli effetti” MA FINO A QUANDO, si chiedono i tifosi, i quali auspicano che le Società e segnatamente il Bologna, sappiano far valere le ragioni delle tifoserie, non come in questa occasione, anche nell’ interesse dell’ intero movimento calcistico senza vendersi per “30 denari” e ricordandosi nelle sedi opportune, che senza le tifoserie non potrebbe esistere il “prodotto calcio”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.