Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Si è svolto presso l’Hotel Ramada a Reggio Emilia un convegno sul tema “Sport, quali valori?” organizzato dai Comitati Provinciali di Reggio Emilia e i Comitati Regionali di AICS e CONI. Le tematiche al centro dell’incontro sono state l’aspetto sociale del mondo dello sport (integrazione e formazione), sulle conseguenza per la salute (mantenimento e riabilitazione) e sulle ricadute in campo economico dell’attività sportiva (spesa sanitaria e occupazione). Hanno introdotto i lavori, presieduti da Giovanni Scalese (Presidente Regionale AICS), Bruno Imovilli (Presidente AICS Reggio Emilia) e Doriano Corghi (Presidente CONI Reggio Emilia). Il dibattito è stato introdotto dagli studi realizzati e presentati da Giovanni Palazzi, presidente di StageUp, che ha analizzato dati CONI-Censis, che evidenziano come sul tema dell’investimento in ambito sportivo c’è ancora molto da fare in regione, così come manca la consapevolezza del risparmio sanitario per chi investe nello sport. Per il prof. Umberto Guiducci, esperto cardiologo, c’è una percentuale ancora troppo bassa di medici di base che ritiene l’attività fisica importante per le persone anziane, tanto che solo il 30% di loro si interessa di sapere se i pazienti la praticano, mentre l’assessore Mauro Del Bue ha posto l’attenzione sulla creazione della Fondazione Sport a Reggio Emilia, che ha soprattutto lo scopo di risparmiare risorse per poterle poi girare alle società più piccole. E’ stata poi la volta di William Reverberi che ha posto l’accento sul Libro Bianco dello sport che sta uscendo in questi giorni, grazie al quale saranno messe nero su bianco tutte le proposte che il mondo sportivo farà a quello istituzionale per cercare di costruire insieme un piano che possa ridare centralità allo sport. La risposta dell’Assessore Mezzetti è stata immediata indicando come le scelte della Giunta andranno a favore di quelle realtà che saranno capaci di realizzare proposte aggregate, superando la logica del campanilismo. A questo proposito ha indicato la possibilità di richiedere le Universiadi del 2019 attraverso un piano territoriale che possa coinvolgere non solo Bologna ma gran parte del territorio regionale.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.