Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Bologna è in una situazione talmente invidiabile a livello economico che sono state ben tre le manifestazioni di intenti per un eventuale acquisto della società arrivate a Consorte da quando è diventato presidente del patto di sindacato tra i soci e dunque deputato ad accogliere queste richieste. Lo ha confessato ai nostri microfoni a margine della presentazione del libro scritto dal collega Stefano Biondi “Bologna, dalla fine all’inizio”, segreti e retroscena di un salvataggio impossibile edita da Minerva. Consorte ha fatto un’analisi dei conti rossoblù indicando come il patrimonio del Bologna è ora pari a più di 23 milioni di euro, di cui 19 versati dai nuovi soci, 1 dalle associazioni e circa tre residui della passata gestione. 16 milioni è la liquidità incassata in questi mesi tra incassi, fideiussioni, gli immobili di Menarini e Porcedda venduti, per un totale di 39 milioni già utilizzati, mentre altri 20.000.000 di euro sono da incassare in prospettiva. Alla chiusura del bilancio il prossimo 30 giugno, poi si avrà un debito nei confronti delle altre squadre di circa 30 milioni, mentre un credito di 14.125.000, dunque per una situazione debitoria di circa 10.850.000 più iva da imputarsi per i due terzi nella stagione sportiva corrente e per circa quattro milioni per la prossima. La società, volendo portarsi in pari per la stagione corrente, e mantenere così un debito di soli 5 milioni, ha già ipotizzato la cessione di un giocatore, probabilmente Viviano, che possa fare della società rossoblù un esempio per molti.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.