Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La coerenza è da premiare, l’essere per forza contro tutti e contro tutto sarebbe un difetto. E’ la sfida che nel pomeriggio ha lanciato Pierpaolo Bisoli. Si è definito in trincea e dopo le numerose critiche ricevute per la prestazione di domenica ha continuato a difendere a spada tratta le sue scelte e il suo modo di vedere la partita. Secondo lui a parte i primi venti minuti il Bologna è stato almeno pari alla Fiorentina nel primo tempo, mentre è stato surclassato per mezz’ora nella ripresa ed è uscito nuovamente bene nel finale. Se si guardano le statistiche non c’è problema, ha visto bene, ma se si guarda la pericolosità proprio non ci siamo. La sensazione che la Fiorentina potesse dilagare c’è stata, così come che le occasioni rossoblù siano state dettate da invenzioni del singolo, Diamanti, e non di squadra.
Bisoli, però, da navigato allenatore, sa bene che sarà solo il campo a dire se le sensazioni positive che ha avuto saranno concretizzate domenica contro il Lecce, una partita totalmente diversa, nella quale il Bologna sarà chiamato a fare gioco, a stanare i salentini senza incorrere nel loro contropiede, tenendo conto che l’emozione dell’esordio è già finita e che i punti bisogna cominciare a farli.
Riavrà a sua disposizione Ramirez, che si gioca un posto con Kone a fianco di Diamanti. Per ora capitan Di Vaio non si tocca, ma anche Acquafresca scalpita e il suo spezzone di partita non è stato malvagio. In difesa ancora out Cherubin, che ne avrà per ancora una quindicina di giorni, probabile che Raggi e Morleo torneranno a destra e a sinistra, mentre Perez avrà una settimana in più di lavoro nelle gambe, mentre sarà tecnica la scelta come mezzala destra tra Pulzetti, Krhin, Casarini e lo stesso Kone.
Con il Lecce non ci sono giocatori con particolari propensioni tipo come era stato Cerci a Firenze e dunque il Bologna dovrà pensare soprattutto a se stesso. Dovranno essere conservate le certezze che sono state costruite durante l’estate ritrovando quella cattiveria agonistica che è il marchio di fabbrica di Mister Bisoli.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.