Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20160421.mp4

Tutti hanno dormito più serenamente ieri sera dopo la fine delle partite di campionato. Frosinone travolto dal Chievo, Palermo che ha pareggiato. Si incrociano le dita per l’impegno di questa sera del Carpi a Milano per poter concludere i festeggiamenti.
Nello stesso momento è necessario che la squadra faccia dimenticare in fretta l’umiliazione delle sei reti subite. Non sarà facile per le condizioni psicofisiche davvero difficili. Nello stesso momento in questi casi contano più le energie nervose e il cuore piuttosto che testa e gambe. Il Genoa con i tre punti conquistati contro l’Inter ha addirittura toccato i 43 punti e dunque ha concluso il proprio campionato, che ora ha come obiettivo quello di tenersi dietro la Sampdoria, che ne ha 37 e soprattutto preparare nel migliore dei modi il derby dell’8 maggio.
Nello stesso momento la squadra vista ieri sera con l’Inter è viva, corre e le energie non sembrano intaccate. Il Bologna dovrà andare contro quelle che sono le statistiche degli ultimi tempi che riportano la squadra ai ricordi targati Delio Rossi. Nelle ultime dodici partite la media punti è stata di 0.66, molto vicina a quella di Rossi che era 0.60, con un tracollo che è stato soprattutto difensivo. Sono state 15, infatti, le reti subite dal Bologna di Rossi, sono 15 quelle subite ora in 12 partite dalla squadra di Donadoni. Con la sola miseria di quattro gol realizzati. Pesano anche le tante palle perse in questo frangente di stagione, 76 soltanto nelle ultime due partite e 41 nella sola trasferta di Napoli. Numeri impietosi che se si uniscono ai soli quattro punti in nove partite dicono di un campionato che è da chiudere almeno in maniera dignitosa.
I tifosi hanno espresso la loro rabbia proprio per l’onore di una maglia e di una società che merita di più. Tecnicamente il ritorno in difesa di Maietta e Gastaldello, a centrocampo di Donsah e in attacco di Mounier si spera possa dare maggiore sicurezza dietro e un po’ più di corsa negli altri reparti. Chiudere il discorso salvezza è assolutamente necessario per cominciare a costruire la nuova stagione senza dove rivivere troppi patemi nelle ultime giornate.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.