Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Pioli ha bisogno di dare sicurezze alla squadra e dunque il modulo non si tocca. Il tecnico, però, non può fare a meno di scegliere gli interpreti migliori che ha a disposizione. E così dopo il buon allenamento di ieri Gillet tornerà tra i pali a Verona, Perez farà coppia con Mudingayi e Kone a centrocampo, mentre Cherubin, che sembrava out a causa di una botta subita domenica, dovrebbe tornare al centro della difesa visto che Antonsson, non riesce a dare, soprattutto a causa della difficoltà di dialogo, quella sicurezza che viene chiesta ad un giocatore al quale, comunque, l’esperienza non manca. Anche in avanti cambieranno gli interpreti ma non il modulo. Se certi di un posto sono Ramirez e Di Vaio, possibile che un turno di riposo venga dato ad Acquafresca. Non per punizione a causa dell’autogol che ha compromesso il risultato di domenica scorsa, ma a causa di una forma influenzale che lo ha colpito sabato scorso. Nonostante questo è sceso in campo domenica, ma già ieri aveva risentito di questa condizione fisica non perfetta. Pioli ha parlato molto bene di Gimenez, giocatore che già lo scorso anno avrebbe voluto nel Chievo, attaccante che secondo il tecnico può fare la differenza saltando l’uomo, ma che deve essere più incisivo in zona gol. Potrebbe essere lui la spalla del capitano, sul quale tutti, Pioli in testa, credono per un pronto riscatto. Nel Parma, capitò addirittura che Di Vaio rimanesse fino a gennaio senza segnare, per poi riprendere come solo i migliori sanno fare. Sperando che anche a Bologna non si ripeta una situazione simile, perchè delle reti del capitano c’è bisogno come il pane, ed è chiaro che un digiuno così lungo sarebbe deleterio per tutto l’ambiente, tuttui sono con lui. Di Vaio, infatti, ha ancora la fiducia di tutti, dei tifosi che domenica sera lo hanno incoraggiato all’inizio e del tecnico, che ha ammesso che fino a quando il giocatore ci sarà con testa e gambe come sta dimostrando ora, la sua leaderschip non è in discussione.
Dunque tutti con il capitano e con il Bologna, per un incontro che, come spesso capita nelle ultime stagioni, è molto più importante per il Bologna che non per i veneti. Seguiremo l’incontro con uno speciale su Telecentro dalle 20.30 con la cronaca della partita e collegamenti dallo stadio Bentegodi dove sarà per noi Giada Giacalone

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.