Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Via libera al piano di risparmi per salvare il Teatro comunale di Bologna. L’ok esce dall’assemblea dei dipendenti dell’ente lirico con 122 voti favorevoli e quasi nessun contrario (solo tre ”no”). E’ questo un primo passaggio per poter accedere agli 8 milioni di euro previsti dal fondo del ministero dei Beni Culturali. Il documento approvato dai lavoratori ieri pomeriggio prevede il pensionamento dei 21 dipendenti che da qui al 2016 matureranno i requisiti, in modo tale da fissare entro quella scadenza il tetto massimo di 261 dipendenti. 30 giorni di tempo per capire che giudizio verrà dato da Roma sul piano proposto. La palla passerà dunque al commissario ministeriale per l’ultimo via libera. Le misure, assieme a una spending review interna al Comunale, porteranno a un risparmio di 2,5 milioni all’anno. Risparmio necessario per mettere i conti in sicurezza e poter ambire ai fondi previsti dalla legge. E la posta in gioco è alta, i sindacati lo avevano detto: per i teatri che non aderiranno al fondo straordinario e si ritroveranno in passivo nel 2016, è prevista la liquidazione coatta. Intanto è soddisfatto del voto dei lavoratori il sovrintendente del teatro, Francesco Ernani. “Stiamo andando avanti nel piano di crescita” ha spiegato dopo l’incontro di ieri con il sindaco Virginio Merola. E anche i sindacati sono contenti del risultato uscito dall’assemblea.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_teatro_comunale_20140108.mp4

Categoria: Attualità
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.