Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Venerdì era ‘piegato in due’ dal mal di schiena, poi il dottor Corbari interveniva con l’iniezione magica e sabato il buon Zanus riusciva almeno a correre. Contro l’Edimes, è stato semplicemente fantastico, con 3 – dicasi 3 – sfondamenti consecutivi subiti nel terzo periodo che di fatto erano la carica di adrenalina definitiva per l’uragano biancorosso.
“Sono molto felice – dice Chris Zanus Fortes, 6 punti, 3 rimbalzi e 4 recuperi in 15’ – ma no per me, per la squadra. Finalmente ci siamo sciolti, siamo riusciti a tradurre in campo quello che facciamo da 2 mesi in allenamento. Abbiamo tanti giovani, non è facile per loro riuscire a eseguire tutte le nozioni apprese in palestra, ma oggi (ieri, ndr) ci siamo riusciti facendo anche divertire la gente. Quando vinciamo, i giovani sorridono e il palazzo esplode, per me è il massimo della vita”.
Carico a molla, Zanus è stato anche l’emblema di un atteggiamento generale più aggressivo di quello visto nelle prime due giornate.
“Tre sfondamenti di fila non mi ricordo di averli mai subiti, e a dirla tutta c’era anche il quarto, ma fa lo stesso – ride il pivot veneziano – L’importante è aiutarsi, dare tutto per il gruppo, far sentire ai più giovani che gli copri le spalle. Rispetto all’anno scorso siamo un po’ meno solidi, ci mancano due pesi massimi come Thomas e Guarasci, ma abbiamo più talento, Goss e McCray fanno cose straordinarie. Adesso andiamo a Varese, per me, coach Galli e De Pol sarà emozionante, ma lo facciamo più sereni, uno 0-3 ci avrebbe appesantiti non poco. Invece adesso respiriamo, e andremo a Masnago per divertirci”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.