Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

1,50 euro al litro. Questo è mediamente il prezzo del latte fresco alta qualità che troviamo sugli scaffali dei supermercati, in aumento rispetto allo scorso anno. Ma agli allevatori quel litro viene pagato 0,34 centesimi, e nel loro caso bisogna parlare di calo del 20%. Un ricarico che dalla stalla allo scaffale arriva a toccare il 340% e gli allevatori non ci stanno. Oggi Coldiretti li ha riuniti in protesta in tutta Italia; a Bologna presso il centro commerciale Vialarga, con tanto di mucche e di un grande caldaio a legna per la cottura del formaggio, proprio per sensibilizzare i consumatori e i giovanissimi delle scuole primarie sulla necessità di conoscere l’origine del latte per salvaguardare il Made in Italy.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_tg_protesta_coldiretti_20151110.mp4
Le industrie pagano agli allevatori in media 5 centesimi in meno rispetto ai costi di produzione. Questo ha provocato la chiusura di molte stalle, soltanto nella nostra regione 550 negli ultimi cinque anni, con la perdita di 4.000 posti di lavoro e il rischio della scomparsa di latte e formaggi.

Il latte italiano garantisce solo nella nostra regione 20mila posti di lavoro e oltre 3 miliardi di ricchezza economica. Ma nelle industrie arriva sempre più latte straniero per produrre formaggi, yogurt, mozzarelle, senza un’etichettatura che dichiari l’origine del prodotto.

Nel video interviste a
Mauro Tonello, Presidente Coldiretti Emilia-Romagna
Maurizio Capponcelli, Allevatore
Gualtiero Francia, Allevatore
Andrea Menetti, Allevatore

Categoria: Cronaca
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.