Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Guardando le quotazioni degli scommettitori bisognerebbe mettersi il cuore in pace. Il due è il risultato di gran lunga preferito in quanto la forma e la voglia del Genoa di mantenere il quarto posto viene indicata come superiore allo stato abulico del Bologna che viene da cinque sconfitte consecutive.
Per fortuna la palla è tonda e si spera che la cura Papadopulo possa avere migliori successi di quanto visto domenica scorsa a Palermo. La prima cosa che ha pensato è rinunciare al suo 3-5-2 per tornare ad una squadra ancora più coperta, con quattro difensori, cinque centrocampisti e una punta, il modulo che in questa stagione ha dato, anche se poche, le migliori soddisfazioni. In porta, se Antonioli non recupererà all’ultimo, ci sarà ancora Colombo, che in questa settimana ha dato l’impressione di buona personalità, quindi torna dal primo minuto in difesa sulla destra Zenoni, con Moras e Terzi al centro e Belleri più che Lanna a sinistra. A centrocampo i dubbi maggiori: Mingazzini sarà davanti alla difesa in posizione centrale, con Mudingayi e Mutarelli o Amoroso a fungere da mezzali, mentre Valiani e Adailton dovrebbero essere gli esterni, con quest’ultimo pronto in fase offensiva a lanciare Di Vaio.
Chiamiamolo 4-3-2-1, 4-2-3-1, piuttosto che 4-5-1, la sostanza non cambia: Di Vaio sarà l’unica punta che cercherà come nei momenti migliori di svariare su tutto l’arco dell’attacco per sfruttare i tagli, senza dare punti di riferimento alla difesa a tre dei grifoni.
E’ chiaro, comunque, che prima ancora di far gol sarebbe importante non prenderne, anche se il ritorno di Milito al centro dell’attacco non è per nulla una bella notizia. Con lui Sculli, che ha sempre avuto nel Bologna una sua preda infallibile e quel Palladino che ha trovato sotto la Lanterna la sua consacrazione.
Arbitro dell’incontro sarà Orsato di Schio, al centro delle proteste dell’Inter nella semifinale di Coppa Italia, con la speranza, anche se non deve essere considerato certo un alibi, che possa fare meglio di quanto ha combinato domenica scorsa a Palermo Brighi di Cesena

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.