Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La “Gazzetta dello Sport” non ha dubbi e nei giudizi sulla stagione che verrà mette tranquilla la Carife: “Ce n’è abbastanza per una comodissima salvezza”. Questo scriveva ieri la “rosea” in merito alla A 2008/2009. Piacevole sinfonia per il giemme degli estensi Alessandro Crovetti: «Una comodissima salvezza la sottoscrivo immediatamente – dice il manager -; fa piacere che il più prestigioso giornale sportivo italiano ci dia fiducia. Ma i pronostici vanno tradotti sul campo, quindi c’è da darci dentro. In più il mercato ha prodotto grandi cambiamenti nelle squadre, ci sono tanti giocatori da scoprire».
Poche, invece, le novità dalle parti del Basket Club… «In questo momento siamo in linea con i programmi – dice rasserenante Crovetti -; la fase di preparazione è stata concordata con coach Valli e col preparatore Iacomucci: ci stanno prestazioni con momenti buoni e momenti “ballerini” in difesa».
Carife ko di misura con Rimini e, lunedì, anche con Pistoia. Riflessioni? «Siamo pesanti sulle gambe. E quando la preparazione si fa sentire è chiaro che paghi di più in difesa, perché in attacco puoi sempre cavartela col talento. È evidente che ci sono da sistemare dei meccanismi, però in attacco ho visto situazioni buone. Questo mi fa ben sperare».
«Inoltre non dimentichiamo – aggiunge Crovetti – che finora il nostro pivot è stato Ebi. Ma il “cinque” titolare è Jamison, quindi per valutare con precisione la squadra si dovrà attendere quando Ebi e Jamison saranno in campo assieme».
Di certo Ndudi Ebi, l’anno scorso miglior rimbalzista del campionato israeliano, ha già fatto vedere come sa muoversi in area. Mentre Mykal Riley? «Contro Pistoia mi è piaciuto il suo atteggiamento – evidenzia Crovetti -; non è partito in quintetto, successivamente è stato rimbrottato dopo qualche errore… Non si è comportato da matricola che si deprime: ha lottato e dopo una schiacciata s’è sbloccato. Evidente che deve ambientarsi, deve abituarsi a difensori più cattivi dal punto di vista agonistico. Troverà difese arcigne, dovrà adattarsi». Ma la Carife ha su “baby-Riley” enorme fiducia, ed è pronta a sostenerlo. Con Collins e Farabello al fianco, il processo di crescita sarà più agevole.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.