Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Al PalaWhirlpool di Varese la Cimberio Varese batte i Crabs Rimini 61-47 in una partita dai bassi contenuti tecnici e che Varese ha saputo far sua nella ripresa, quando ha aumentato l’intensità difensiva; buona comunque la prova di Rimini che ha saputo tener testa alla capolista per 25’.
Dopo la difficile vittoria in quel di Pistoia, fanno visita ai biancorossi i Crabs anche loro vittoriosi nell’ultimo turno. E’ la partita degli ex: tornano a Masnago De Pol, Zanus Fortes e Massimo Galli. Quintetti: Pillastrini schiera Childress, Nikagbatse, Cotani, Dickens e Galanda; per Galli in campo Goss, Scarone, Mc Cray, Rinaldi, Kesicki.

Avvio di partita caratterizzato da mani piuttosto fredde per i padroni di casa: dopo numerosi “pali” arriva il goal di Dickens. La partenza di Rimini è fulminea sia in difesa che in attacco dove grazie a Kesicki tenta il primo allungo (8-2 per Rimini al 4’). Pillastrini inizia a ruotare velocemente i suoi per trovare l’equilibrio migliore, ma i Crabs trovano la via del canestro con facilità: occorrono un paio di giocate fuori dagli schemi di Passera e Gergati per riportare in partita la Cimberio. Alla prima sirena Varese conduce 17-14.

Scarone è protagonista di un avvio veemente, ma Varese fatica molto su entrambi i lati del campo: in difesa concede troppi spazi, mentre l’attacco vive di iniziative personali (21-21 al 15’). Per Rimini buone conclusioni arrivano anche da Rinaldi, ma alla fine del quarto Varese trova un uno-due con la tripla di Nikagbatse e una bella azione conclusa da Galanda. Le squadre vanno all’intervallo lungo sul 31-26 per la Cimberio.

Childress (impalpabile fino ad ora) si iscrive finalmente a referto, ma i vuoti difensivi della Cimberio proseguono ancora: un guizzo di Cotani però porta Varese al massimo vantaggio (39-30 al 24’); dopo diversi minuti di non-gioco, ci pensa Dickens a regalare un’affondata a due mani da highlights di giornata! Alla terza sirena la Cimberio conduce 44-34.

Dopo un inizio a dir poco stentato Dickens diventa decisivo in difesa dove vola a rimbalzo e intimidisce gli avversari con le sue lunghe leve; sembra tutta qui la chiave della partita: nel momento in cui Varese è riuscita stringere le maglie difensive ha trovato anche la giusta continuità in attacco. Goss e Mc Cray non si danno ancora per vinti, ma sale in cattedra Galanda che porta tutti a spasso in post basso. Buona la quarta per la Cimberio. Le luci si spengono sul .61-47

Cimberio Varese
Passera 9, Antonelli, Galanda 17, Genovese ne, Gergati 2, Martinoni 2, Cotani 9, Childress 5, Dickens 9, Nikagbatse 8.

Basket Crabs Rimini
Scarone 9, Goss 12, Moreno, Pinton, De Pol 2, Mc Cray 9, Zanus Fortes 1, Rinaldi 9, Gurini, Kesicki 5.

MVP: Cotani (9 punti, 3/5 da due, 3/4 tl, 11 rimbalzi, valutazione 20)

Parziali: 17-14; 14-12; 13-8; 17-13.
Arbitri: Pascotto, Ciano e Di Toro.
Note: 3.743 spettatori per € 31.924,00

T3: 4/14 (29%) Varese; 4/18 (22%) Rimini
T2: 16/28 (57%) Varese; 12/43 (28%) Rimini
TL: 17/25 (68%) Varese; 11/19 (58%) Rimini
Rimbalzi: 47 (Cotani 11) Varese; 29 (3 giocatori 5) Rimini
Assist: 14 (Passera 4) Varese; 9 (Goss 4) Rimini

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.