Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Roberto Chiacig, ovvero il decano della serie A (insieme a Myers), con le sue 14 stagioni di militanza. Nella Virtus doveva essere utilizzato come quarto lungo, ma Boniciolli non ha esitato a gettarlo nella mischia quando c’è stato bisogno di rimbalzi, difesa e soprattutto esperienza. “Io penso di poter dare sempre il mio contributo – racconta Ghiaccio – e sono pronto a giocare i minuti che il coach mi chiede. Penso che tutto parta dalla difesa e per questo motivo entro in campo per dare il massimo da subito. Essere solidi nella nostra metà campo è il primo passo poi di punti nelle nostre mani ne abbiamo parecchi”.
Tra le società che hanno fatto la storia recente del basket italiano manca solo Milano, per il resto Chiacig ha vestito la maglia di Treviso, Fortitudo, Siena, Roma e ora è da due stagioni alla Virtus, ma è stato soprattutto tra la Toscana e le due Torri che ha avuto un ruolo di protagonista.
“Dalla Fortitudo mi sono allontanato per motivi tecnici, a Siena sono molto legato ma anche lì sono sorte sorte problematiche non solo tecniche e sono andato via. In Virtus sto molto bene, conosco la città, con alcuni compagni c’è un’amicizia che va oltre il lavoro. Sono tre ambienti molto diversi, ma è bello giocare qui a Bologna dove la pallacanestro è sulla bocca di tutti ed è praticamente il primo sport”. Tra una ventina di giorni si gioca il derby, una gara che quasi sempre ha dato una svolta alla stagione alle due bolognesi. “Il derby a BasketCity è un evento importantissimo che fa parlare di sé da sempre. In questo momento la Fortitudo è un po’ più in difficoltà e non è in condizioni ottime, ma questo deve anche essere un campanello di allarme per noi perché vorranno senza dubbio dimostrare qualcosa. Sarà una battaglia e l’importante sarà vincere, anche di un solo punto”. Intanto domenica a mezzogiorno la Virtus è attesa a Cantù, nella tana di una squadra rognosa che costruisce le sue fortune anche grazie all’apporto del pubblico. «Andremo là con l’intenzione di giocare al 100 per cento e portare a casa il risultato: il campo è ostico ma noi dobbiamo essere pronti per combattere fino alla fine se ce ne sarà bisogno».

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.