Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Marcello Castellini con la Juventus è tornato titolare e ha giocato l’intera gara.
“Nel finale c’è stata una buona intensità, abbiamo anche segnato un gol, ma è stata una reazione forse tardiva: per riuscire a risolvere la partita avremmo dovuto trovarla prima. Dobbiamo fare di più sotto questo punto di vista: non possiamo permetterci di non fare prestazioni con la stessa intensità di quella contro la Lazio, altrimenti facciamo fatica, e non solo con la Juventus. Loro hanno fatto gol alla prima azione e, quando poi Nedved ha trovato il raddoppio fortunoso, per noi era diventata praticamente una montagna insormontabile: la fortuna non ci sta aiutando, ma non dobbiamo aggrapparci a questo alibi, perché molti episodi negativi ce li siamo creati da soli in questa prima parte del campionato. Dobbiamo essere più bravi a tenere aperte le partite: anche oggi, come a Genova, siamo andati sotto di due reti; con la Sampdoria dopo il primo gol ci siamo disuniti e abbiamo commesso qualche errore per la foga di riaddrizzarla subito, ma le partite si possono risolvere anche in un’altra maniera, con più pazienza e attenzione. Quando si perdono diverse partite, è normale che l’allenatore sia considerato in discussione, ma allora deve essere ritenuta in discussione tutta la squadra: dobbiamo tirarci fuori da questa situazione tutti insieme, con il nostro allenatore”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.