Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

TORMENTONE dell’estate e sempre protagonista delle chiacchiere attorno alla squadra, Marco Carra è tornato ad allenarsi con la sua Pallacanestro Reggiana nel primo giorno di raduno.
.Marco, come affronti questo ritorno a Reggio Emilia?.
«Torno a Reggio con il massimo impegno e con la voglia di dare il massimo con la massima professionalità e disponibilità per questa squadra e per questi colori».
.Sei stato al centro di un curioso tira e molla questa estate..
«Si, però ho cercato di starne lontano soprattutto mentalmente il più possibile. Adesso però – continua il playmaker originario di Reggiolo – voglio solo pensare a giocare, cercando di chiudere questa faccenda e di mettermela alle spalle il prima possibile».
.Non sembri soddisfatto però di come è andata la vicenda.
«Ho parlato con la società e con l’allenatore chiarendo a tutti che non sono contento del ruolo che mi è stato ritagliato per la prossima stagione, però sono molto felice del fatto che sia coach Marcelletti che il presidente Landi mi abbiano chiamato per dirmi di restare. Non capita tutti i giorni che il presidente ti chiami direttamente e sono onorato della sua stima».
.Quindi sei qui per restare o ti senti di passaggio?.
«Adesso sono a Reggio e resto a Reggio, poi le idee possono anche cambiare in fretta, però adesso lavoro per Reggio».
.Quindi non pensi che la rosa abbia troppi elementi?.
«Questa cosa sta al coach dirla, non spetta a me».
.Torniamo indietro nel tempo all’ultimo anno di serie A. Tu eri il capitano, ma la squadra purtroppo retrocesse. L’anno scorso eri a Teramo, noti delle differenze tra il Carra di 2 anni fa e il Carra di oggi?.
«Ogni anno dà sempre qualche cosa di nuovo, soprattutto a livello di esperienza personale. Sicuramente l’anno scorso ho fatto una buona stagione e spero di poter dare sempre qualche cosa in più in campo anche alla luce delle esperienze in più che ho fatto».
.In squadra quest’anno c’è una forte componente “fatta in casa”. tu che sei uno dei senatori, come vedi questa cosa?.
«Che sicuramente sarà un’ottima cosa, visto che giocherò con molti ragazzi che già conosco e con cui ho già giocato».
.La Legadue sembra aimpegnativa quest’anno.
.«Quest’anno il Legadue ci sono tante buone squadre ai nastri di partenza, penso a Casale, Brindisi e Varese che non starà certo a guardare, ma vorrà fin da subito ritagliarsi un ruolo da protagonista».
.E la Trenkwalder che ruolo potrà avere?.
«Io sono convinto che noi possiamo dire la nostra e fare una buona figura. Batterci non sarà di certo una cosa facile e sono convinto che faremo molto bene. Abbiamo bisogno di amalgamarci in questa fase, però sono molto fiducioso».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.