Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ un’eliminazione che non brucia perché, di fatto, il passaggio alla semifinale di Coppa Italia era già stato compromesso nella partita di andata, al PalaSavena, chiusa con la vittoria degli ospiti, 24-32. E’ un’eliminazione che, paradossalmente, esalta proprio la Carisbo Bologna United che riesce nell’impresa di imporre uno stop ai campioni d’Italia del Conversano, fino a questo momento sempre vincenti. E’ vero che a quel punto la qualificazione dei pugliesi non era più in discussione, ma è altrettanto innegabile come Bologna abbia costruito il pareggio con mille difficoltà. Alle assenze di cinque giocatori cinque – Marcello Montalto, Alessio Bisori, Andrea Santilli, Stefano Norberti e Matteo Bellotti – s’è aggiunta, dopo dieci minuti, la defezione di capitan Zaniboni. Ua contusione al ginocchio ha consigliato al Mago rossoblù di prendersi un turno di riposo per non complicare la situazione in prospettiva futura.
Bologna parte male, un po’ molle e tocca anche il -8 sul 15 a 7. Ma c’è il cuore della squadra, c’è la voglia e il talento di Ricky Pivetta che gioca in velocità e chiude con 16 gol personali, la metà di quelli messi a segno dalla sua squadra.
Con carattere, grinta, determinazione e difesa Bologna rientra in partita e, alla fine, ha pure l’occasione di vincere. Ma forse è stato meglio così. Sarà importante vincere sabato prossimo, alla ripresa del campionato, quando al PalaSavena arriverà Teramo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.