Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Maggiore assistenza per le persone che vivono in carcere, maggiore tutela, grazie all’affiancamento dei volontari dell’associazione “L’Altro Diritto”, che ha stipulato una convenzione con il Comune di Bologna per realizzare attività a favore dei detenuti, per dare un senso alle ore trascorse in carcere. E’ qui che si concentrano diversi e complessi problemi sociali. Oltre al sovraffollamento – e alla Dozza parliamo di 900 detenuti a fronte di una capienza massima pari alla metà, anche se negli anni si sono registrate punte di 1250 detenuti – il carcere rischia di essere, per numeri, il primo reparto psichiatrico della città, il primo reparto di malattie infettive – non si registrano tante presenze negli ospedali quante alla Dozza –, il primo centro di accoglienza per senza fissa dimora e il primo centro di concentrazione di stranieri senza permesso di soggiorno in attesa di espulsione, oltre a una delle più grandi comunità per tossicodipendenti.

Nel video: interviste a Emilio Santori, Pres. Ass.ne “L’Altro Diritto”; Claudia Clementi, Dir. Casa Circondariale Dozza; Alfonso Paggiarino, Dir. Istituto Penale Minorenni del Pratello

E il direttore del carcere minorile del Pratello di è espresso anche sulla possibilità avanzata dal ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, di trasferimento del carcere.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_dozza_pratello_20131111.mp4

Categoria: Cronaca
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.