Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20140312.mp4

Ancora un giorno di allenamento con metà squadra fuori. Dopo la scorsa settimana con i nazionali tornati con diversi problemi, anche verso la partita con il Livorno Ballardini non può certo preparare l’incontro con la giusta serenità. Tutti fuori i giocatori con qualche problema nella seduta unica del mattino, da Garics a Kone, da Pazienza a Ibson, mentre Bianchi solo terapie e dunque la botta subita al ginocchio domenica con il Sassuolo sembra più dolorosa del previsto, tanto che sembra davvero in rampa di lancio Acquafresca, che in Toscana potrebbe giocare dal primo minuto accanto a Kone o Cristaldo. Per il resto il Bologna, con il ritorno dopo la squalifica di Morleo, torna quello di sempre, con Garics a destra, mentre difesa e centrocampo mantengono il loro assetto, che fino ad ora ha portato a subire soltanto otto reti nelle ultime nove giornate. Purtroppo, dall’altra parte, ha drasticamente diminuito la percentuale delle reti segnate, visto che sono state solo cinque nelle stesse nove giornate, con un’astinenza da ben quattro partite, oltre a 66 minuti dell’incontro con il Torino. Il tecnico, comunque, sembra non essere preoccupato. Con il Sassuolo è vero che c’è stato un balzo indietro per quanto riguarda il gioco ma Ballardini è convinto si sia trattato di stanchezza derivante dai tanti viaggi con le rispettive nazionali. Dunque Livorno potrebbe essere la controprova che il Bologna davvero è se non sulla via della guarigione, almeno sta prendendo delle buone medicine e che la cura si spera possa portare almeno a qualche rete in più, che servono se si vogliono vincere gli incontri. Di Carlo domenica dovrebbe mettere sul piatto lo stesso modulo del Bologna, il 3-5-2, con Paulinho e Belfodil in attacco. Il morale dopo il 4-2 con la Sampdoria non è certo dei migliori, visto che la squadra era sopra 2-0, ma è chiaro che cinque squadre in sei punti dicono che chi riesce a fare tre punti in uno scontro diretto è come se ne avesse messi a segno sei. Domenica oltre alla questa partita si gioca anche Sassuolo-Catania, altro incontro che vale quasi una mezza salvezza. Intanto i tifosi si stanno mobilitando. Per sabato 22 marzo è prevista una marcia contro la gestione Guaraldi, in un clima che sarà ben diverso da quello di sabato scorso quando incontrando i 50 presdienti del Centro Bologna Clubs il clima era stato accomodante e sereno.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.