Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Matteo Boniciolli è sulla panchina della Virtus Bologna dalla sesta giornata di questo campionato. Le prime cinque delle Vu Nere sono invece state targate Renato Pasquali e con lui come head coach il bilancio non era stato cosi positivo: tré vinte e due perse. Dopo la sconfitta casalinga contro Avellino, il patron Sabatini decise (era la metà di novembre) di consegnare la formazione proprio a Boniciolli, l’autore del miracolo avellinese della scorsa stagione. E con lui la Virtus ha risalito la classifica con 14 vittorie in 20 gare giocate. Un cammino importante, arricchito dalle due vittorie nei derby, che ha portato La Fortezza in seconda posizione di classifica. Adesso la Virtus ha due punti di vantaggio sulla coppia Roma – Milano e ha anche una partita da recuperare. Il vantaggio certo non è tale dafar rimanere tranquilli, ma il team di Boniciolli ha buone opportunità di chiudere la regular season in seconda piazza. In ballo, e la lotta in questo caso è proprio con il team capitolino, c’è anche un posto per la prossima Eurolega. Il nuovo settimanale di basket on line diretto da Franco Montorro, basketville.it, propone ai suoi lettori una intervista doppia con i due coach che si troveranno uno di fronte all’altro questa sera, vale a dire Simone Pianigiani e Matteo Boniciolli. “Il match di questa sera è il meno importante di quelli disputati contro Siena – ha affermato il coach di Bologna -. La partita di andata ci serviva per capire a quale distanza eravamo, la seconda (ovvero la finale di Coppa Italia, ndr) è stato un match atipico come tutte le finali, quella di oggi non la vivo come una verifica’. La seconda sfida stagionale tra questi due team se la ricordano tutti, perché coincise con la prima vittoria di una Coppa Italia per la società di viale Sciavo. Un successo meritatissimo, perché nel week end lungo giocato per di più a Bologna la Mens Sana dimostrò di essere la più forte di tutte nonostante che le sette avversarie giocassero veramente alla morte per togliere lo scettro ai biancoverdi e nonostante le grandi fatiche europee che la squadra di Pianigiani, impegnatain un momento cruciale di Euro-lega, si portava addosso.Boniciolli ammette che in una serie “Siena resta la più forte”, poi però torna a parlare delle Final Eight di febbraio giocate in casa nella quale, secondo il coach della Virtus “abbiamo giocato la migliore pallacanestro di tutte” e di come la sua squadra sia cambiata da quando lui è arrivato alla sua guida: “Se guardo all’armonia e alla chiarezza di idee che c’è oggi alla Virtus e ripenso invece a come era la situazione quando abbiamo affrontato la Mens Sana all’andata mi sembra proprio un altro mondo”.La Virtus quindi è in crescita come sottolinea più volte proprio Boniciolli. Staremo a vedere se avrà la meglio sulle dirette e agguerrite rivali (Milano, Roma, Teramo e Treviso) e riuscirà ad aggiudicarsi il secondo posto nella regular season.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.