Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20160615.mp4

Il mercato del Bologna è ancora fermo, ma come lo è quello di tutte le squadre eccetto chi, come la Juve, può spendere oltre 30 milioni per Pianjc. Per ora, ma probabilmente sarà così almeno fino al termine dell’Europeo, ci saranno solo contatti, oppure affari a costo zero. Come ha detto solo due giorni fa Fenucci, ora si fanno sondaggi, si cercano di tastare le società per capire la disponibilità ad una trattativa e da quanto questa possa partire. Si cerca di verificare con gli agenti se c’è la disponibilità del giocatore e sono spesso questi ultimi a far conoscere movimenti per avvantaggiare i loro assistiti. Ecco, allora, che i tanti nomi non sono possibili giocatori, ma come quando si entra in un negozio per fare un regalo: si guarda, si chiede, si verifica se c’è la possibilità di uno sconto.
Per quanto riguarda i nomi più caldi, soprattutto Giaccherini, il Bologna deve decidere se vale la pensa investire quasi 12 milioni lordi nei prossimi tre anni. Circa 1,5 al Sunderland e 1,6 netto, che raddoppia, al giocatore, che il 5 maggio scorso ha compiuto 31 anni.
E’ una valutazione tecnica ed economica, che deve guardare non solo al domani ma un po’ più in là e solo Donadoni può farla. Un altro problema che sta mettendo in crisi le società è la necessità di avere nella rosa dei 25 giocatori 4 che vengano dal settore giovanile o abbiano giocato nella società tra i 15 e i 21 anni per 36 mesi e altri quattro di formazione italiana, ovvero che abbiano giocato in Italia per tre o più anni. Quindi sui contratti peseranno la provenienza e magari verranno presi giocatori impensati solo per poter completare il roster. Il Bologna può pensare a Borini, Gamberini, Zaccardo, Andrea Costa o Albertazzi, visto che finora gli unici due usciti dal settore sono Masina e Ferrari, e che gli eventuali aggregati della Primavera, da Saar a Tabacchi, fino ai 21 anni, non intaccano la rosa dei 25.
Per quanto riguarda gli altri nomi sono sempre gli stessi: da Biabiany a Ricci, da Paredes a Valdifiori nel caso di cessione di Diawara. Per il quale sembra essersi allontanato il Valencia dopo che il Bologna ha rinunciato a 12 milioni più bonus. In uscita c’è un buon interesse per Mancosu che ha fatto un buon finale a Carpi, mentre sono da piazzare i tanti giocatori di ritorno dai prestiti e ancora sotto contratto con i rossoblù.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.