Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_freak_antoni_20140212.mp4
Bologna si è svegliata senza questa mattina senza uno dei suoi. Freak Antoni incarnava a modo suo una parte di bolognesità che arriva direttamente dagli anni ’70 e nella sua Bologna che gli ha dato i natali si è spento dopo un periodo di malattia. Gli insulti al pubblico, i concerti stracolmi di ragazzi di oggi e di ex ragazzi ancora vogliosi di una pazza serata punk, i travestimenti sul palco e i testi assurdi urlati al microfono. Freak Antoni era il leader degli Skiantos, 35 lunghi anni passati insieme, fino al 2012, quando ha deciso di lasciare il gruppo per dedicarsi alla carriera solista. Avrebbe compiuto sessant’anni il prossimo 16 aprile. Scherzava Freak Antoni: “Se non altro la malattia mi ha fatto smettere con la droga”. E’ il 1977 quando sotto alle Due Torri nascono gli Skiantos. Un’ondata di novità, incredibilmente assurdi, mai banali. Rimasto nella storia il loro concerto, nel 1979, al PalaDozza quando salirono sul palco portando una cucina, un tavolo, un televisore e un frigo, misero a bollire gli spaghetti e poi li mangiarono, senza suonare nulla e il pubblico partì con gli insulti ma ovviamente ci pensò Freak Antoni a rispondere con la sua solita irriverenza.
Gli Skiantos erano quelli che lanciavano ortaggi sulla platea, che si portavano sul palco i cartelli con gli insulti per il pubblico, coloro che hanno invertito i ruoli tra palco e platea. “Gelati”, “Mi piaccion le sbarbine”, “Italiano terrone che amo”, “Sono un ribelle mamma” molti i loro successi.
Frak Antoni è stato anche attore in diversi film con lo pseudonimo “Tony Garbato”. Ha interpretato dei ruoli in “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, “Cavadagne” e “Paz”. Sulla sua vita hanno scritto anche un fumetto: “Freak”. Nove i libri, invece, scritti da lui, come il suo manifesto “Non c’è gusto in Italia ad essere intelligenti”.
Il sindaco di Bologna Virginio Merola ricorda di Freak Antoni lo sguardo sempre ironico: “Un artista bolognese che ha operato in tantissimi ambiti culturali e che è riuscito a svelare contraddizioni e vizi della società italiana”.

Categoria: Attualità
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.