Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Per domani sera il meteo parla di debole pioggia su Bologna, ma il clima allo stadio dall’Ara sarà caldo come non capitava da tempo. 33.000 biglietti venduti, una coreografia da grande evento e un incontro che per il Bologna vuole dire molto, specie per la panchina di Arrigoni, sempre in bilico dopo la brutta figura di Genova con la Sampdoria. Fortuna ha voluto che dopo tre giorni si torna in campo e la trasferta di marassi è passata, almeno per ora, come una corrente che porta via tutto in fretta, riproponendo proprio domani una prova d’appello. E nonostante si giochi con la Juventusil Bologna non ha attenuanti. La squadra di Ranieri vive un momento di grande difficoltà a causa di una serie di infortuni che tengono fuori una intera squadra e non seconde linee viste che stiamo parlando di Buffon, Zanetti, Zebina, Poulsen, Marchisio, Grygera, De Ceglie e Trezeguet, oltre a Del Piero per turn over. Inoltre l’incontro con il Bologna arriva proprio alla vigilia di un impegno fondamentale con la Roma sabato e dell’incontro ancora più importante di Champions con il real Madrid. Dunque Ranieri con gli uomini contati ma sempre di grande classe, con il classico 4-4-2. Se l’ex rossoblù Manninger sarà tra i pali, in difesa il tecnico ha scelto Melberg a destra, con Chiellini central e Molinaro a sinistra, mentre sta pensando come sostituire Legrottaglie, che ha dato forfet proprio alla vigilia. A centrocampo, accanto all’inesauribile Sissoko il giovane ma talentuoso Ekdal, con Marchionni a destra e Nedved a sinistra e i due arieti Amari e Iaquinta in avanti. Se vorrà confermare Nedved centrale potrebbe giocare Giovinco sulla sinistra. Dalla panchina potrebbe uscire per uno spezzone di incontro anche Camoranesi che ha ripreso a lavorare con la squadra.
Per i rossoblù Arrigoni ha annunciato la difesa con tre centrali, dunque Moras, Castellini e uno tra terzi e Britos che potrebbe far valere il suo fisico sui due attaccanti juventini, a destra si giocano un posto Lavecchia e Zenoni, con il primo favorito, mentre a Bombardini nessuno dovrebbe toccare la fascia sinistra. Centrocampo robusto, con la scelta di non sostituire il regista Volpi infortunato, ma di far giocare assieme Mudingayi e Mingazzini. Possibile a questo punto che dietro all’unica punta Di Vaio possa giocare Adailton con Valiani a sinistra. Direttore di gara sarà Trefoloni, fischietto che di solito non penalizza la Juventus.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.