Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Presidente Francesca Menarini ha così introdotto le agevolazioni per l’ingresso allo stadio presentate oggi a Casteldebole.
“Nel giorno del nostro insediamento alla guida della società, abbiamo subito detto che sarebbe stata nostra intenzione non limitarci a gestire solo l’aspetto strettamente tecnico, operativo ed agonistico, ma andare oltre, impegnandoci a dare vita ad una serie di iniziative sociali, che oggi andiamo a presentare. Abbiamo fatto anche di più: abbiamo voluto che questo nostro modus operandi (l’attenzione al sociale) diventi una costante operativa, inserendolo come parte integrante del codice etico della società. Queste iniziative sociali sono rivolte a coinvolgere il maggior numero di persone possibile in occasione delle partite di calcio: giovani, bambini, famiglie, classi disagiate. Questo non tanto per riempire buchi vuoti allo stadio, ma per trasmettere un valore educativo, un insegnamento, attraverso il coinvolgimento delle scuole e delle società sportive; abbiamo infatti allargato le agevolazioni a docenti e accompagnatori, non solo perché possano assistere alla partita, ma per far sì che il giorno dopo a scuola l’evento possa diventare un oggetto di dialogo e di discussione sul tema del valore dello sport e del gioco di squadra. Quanto alle categorie disagiate, l’invito è rivolto a quelle categorie di persone che non si possono permettere di pagare biglietto intero: mi dà una grande gioia rendere felici persone che altrimenti non avrebbero la possibilità entrare allo stadio per motivi economici. In questo momento, ci rivolgiamo agli assistiti di Caritas, Opera Padre Marella e Fondazione Gesù Divino Operaio, ma non in maniera esclusiva: siamo aperti alle richieste di eventuali altre associazioni interessate. Abbiamo inoltre voluto “creare” il nucleo familiare, ipoteticamente costituito da un minimo di tre persone (fino al quarto grado di parentela): mi piacerebbe molto che la famiglia, nella quale credo molto, possa trascorrere unita la domenica pomeriggio allo stadio; il messaggio è questo: andiamo alla partita insieme, genitori e figli, facciamo famiglia. Ne approfitto per annunciare che abbiamo attivato un intervento specifico per migliorare la qualità ricettiva e di visibilità dei posti a disposizione per i disabili, creando una pedana per rialzarli. Ringrazio la Carisbo per l’apporto fondamentale in questa iniziativa, mettendo a disposizione tutte le proprie filiali per il ritiro dei titoli di ingresso, e le istituzioni che ci hanno affiancato”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.