Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display


rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/bologna_20130226.mp4
Stamane Bologna si è svegliata sotto un bellissimo sole, le nevicate dai giorni scorsi sono un ricordo lontano se non fosse per i cumuli di coltre bianca depositata un po“ in qua e la nella città. Lo stadio Dall‘Ara è perà pronto e pulito a dovere come per ogni grande manifestazione. Finalmente questo derby dell‘Appennino si giocherà, questa sera alle 20:00. Certo bisognerebbe ricordare a chi fa i calendari che negli ultimi cinque anni questa gara è stata rinviata per neve ben tre volte“? Ma al destino avverso il Bologna ormai c“è abituato. Anche se in questo caso aver slittato la gara di due giorni ha permesso a Pioli di recuperare meglio due uomini a sua disposizione Taider e Gabbiadini. Sørensen non ha recuperato dalla contusione al piede e non è stato nemmeno convocato. Gioca Morleo nella rispolverata difesa a 4 con Motta, preferito a Garics influenzato, e la coppia centrale Antonsson e Cherubin. Due uomini a fare gioco davanti alla retroguardia rossoblu, Perez e Taider, che giocherà comunque con un tutore alla mano dopo l‘operazione di qualche settimana fa. Cambio tattico sulla trequarti, dove Diamanti è stato provato proprio in questi giorni non più a destra ma in posizione centrale dietro all‘ex di turno Gilardino, con ai lati Kone e dall‘altra parte Gabbiadini. Montella domani punterà ancora sul tridente Cuadrado, Jovetic e Ljajic. Ballottaggio al centro tra Migliaccio e Sissoko, in difesa confermato Tomovic con Rodriguez, Savic e Pasqual. In porta il grande ex di turno,Viviano atteso ad una gara particolare davanti al pubblico che lo ha sempre e comunque supportato. Sara una gara affrontata con maggiore tranquillità visti i risultati del week-end. Infatti il Bologna è quartultimo, e nella peggiore delle ipotesi manterrà un bottino di cinque punti sul Siena. In più conscio che ha nel Dall‘Ara la sua indiscussa cassaforte. Dell‘umore opposto i viola, dall‘inizio del 2013, hanno sempre perso fuori casa (ko contro Udinese, Catania e Juve) e dunque urge quanto prima per loro un cambiamento di rotta se vogliono pensare a qualcosa di grande“? che equivale a Europa.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.