Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ il momento di dare i numeri per il Bologna. Fare i conti per bene perché da quanto è rimasto nelle casse dipenderanno le decisioni sui giocatori da vendere per fare il mercato estivo. Ma questi conti non sono semplici: c’è da pensare alla cassa, alla vendita degli immobili ricevuti dai Menarini, per i quali tutto sembra oramai concluso, mentre un po’ più difficile vendere l’albergo di proprietà di Porcedda, che comunque è affittato e dunque porta reddito. E’ un lavoro che durerà fino alla fine dell’estate e dunque solo da settembre la macchina rossoblù potrà tornare ad avere un’andatura autonoma. Per aiutarla in questo da tempo Giovanni Consorte chiede l’assunzione di un amministratore delegato che possa fare questo durante tutto il giorno, visto che comunque i soci devono provvedere ai diversi incarichi ricevuti a tempo perso, ovvero dopo aver lavorato nelle proprie aziende.
Sul fronte DS e allenatore si sta viaggiando a fari spenti ma si lavora. Solo a salvezza raggiunta si potranno fare discorsi definitivi, ma è chiaro che per Giampaolo ci si è mossi molto più che con chiacchierate, anche se non si può firmare un allenatore prima di aver coinvolto il Direttore Sportivo, che dunque, sulla carta, dovrebbe essere nominato prima. Bagni, Sogliano, Foschi o il ritorno di Salvatori sono il poker di nomi che vanno per la maggiore, ognuno con i suoi pregi e i propri difetti. Probabilmente dal CDA di lunedì, se ne saprà di più con la speranza che dopo la partita con il Parma si abbiano maggiori certezze anche sulla salvezza.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.