Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20160607.mp4

Per il Bologna è la giornata dell’attesa. Domani la presentazione di Riccardo Bigon con una schiarita, probabilmente sul budget e gli obiettivi dei rossoblù. Sono stati scritti fiumi di parole fino a questo momento, ma nessuno ha la certezza che il Bologna non abbia risorse per il mercato come si è detto se non quelle che arriveranno dalla cessione di alcuni giocatori. Così come si capirà meglio che Bologna ha in testa il direttore sportivo. Nello stesso tempo come funziona, ora, che dovrebbe essere collegiale, la scelta dei singoli. Si capirà anche qual è l’obiettivo di Saputo dopo le prime due stagioni a rincorrere la serie A e mantenerla. La sua forza silenziosa sembra notevole. Amico degli Agnelli, ma pure forza che spinge per cambiare le regole della distribuzione dei diritti. Se il suo progetto prenderà piede il Bologna passerà da 35 a oltre 40 milioni. Non cose che spostano ma segnali che sulla tolda di comando c’è anche il Bologna. Che proprio oggi, 52 anni fa a Roma si laureva campione d’Italia per la settima volta. In quanti hanno detto non rivedremo mai più quei tempi. Ma ora, almeno, per un po’, non ci sarà la tensione di sapere se l’anno successivo ci sarà ancora società e squadra. Se i cinesi all’Inter hanno parlato subito da squadrone che deve vincere subito, la strategia di Saputo è stata quella dei piccoli passi. Consolidare la società, patrimonializzarla con Centro Sportivo e Stadio, far crescere i ricavi del calcio anche al di fuori di TV e ricavi della biglietteria. Una mentalità nuova, che in pochi hanno portato in Italia, ma che è la sola a non far dipendere la squadra dal mecenate di turno.
E da domani anche i nomi del calciomercato potrebbero anche avere basi più solide. Morosini, Viaviani, Valdifiori, Biabiany, uno smbio fantascientifico Diawara-Gabbiadini. Anche se il primo passo è verificare se esiste ancora la possibilità di ricucire per il rinnovo di Giaccherini.
Intanto facciamo gli auguri a Godfred Donsah. Pensare che ha soli 20 anni fa pensare ad un futuro ancora tutto da scrivere. E i tifosi sperano per tanti anni con la maglia rossoblù.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.