Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

A 24 ore dalla tempesta di Marassi Bologna riflette e si guarda alle spalle. Non siamo il real Madrid o il Barcellona e qualche battuta di arresto non solo ci sta ma è assolutamente comprensibile. L’importante è che la lezione sia servita: se la mentalità è quella sbadata di inizio partita, come Viviano che ha marcato un avversario prima di rinviare il pallone, o la barriera che si apre al limite dell’area, o una marcatura sbagliata come quella di Moras, i rossoblù rischiano di perdere da chiunque. Se altrimenti la mentalità è quella volitiva di altre volte è chiaro che la salvezza non sarà un’impresa così difficile. I sette punti di vantaggio sulla zona calda con una partita ancora da giocare sono una garanzia, anche perché la qualità del gioco espresso fino ad ora è decisamente superiore a quella che stanno mettendo in scena le squadre in fondo alla classifica.
Sui singoli è inutile voler dare pagelle. Di certo i tre nuovi non hanno brillato: Mutarelli, Cherubin e Casarini non hanno convinto, ma pure Viviano e Di Vaio ieri sono apparsi inconsistenti, mentre Meggiorini sembrava addirittura il clone di se stesso.
Da apprezzare l’ingresso di Ramirez e pure quello di Paponi, non solo per il gol ma pure per la voglia di provare a cambiare una situazione che sembrava già decisa dopo 15 minuti.
In modo particolare Ramirez è stato l’unico a cercare con continuità il tiro verso la porta, anche con una soluzione acrobatica che se fosse stata più convinta lo avrebbe consacrato anche nel campionato italiano. Comunque una squadra come il Bologna fa fatica a prescindere dalla sua fantasia e dal suo entusiasmo che contagia tutta la squadra.
La difficoltà, ora, sarà riuscire a mantenere la giusta concentrazione in tre partite in una settimana particolarmente insidiose come sabato con il Palermo, il recupero del 23 febbraio con la Roma e il sabato successivo l’anticipo allo stadio Olimpico di Torino con la Juventus. Se tornerà il Bologna dell’ultimo periodo, quello mancato solo a Genova, anche i tifosi potrebbero togliersi diverse soddisfazioni, altrimenti il rischio è quello di ritrovarsi ancora invischiati in un pantano del quale si fa volentieri a meno.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.