Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Sembra una domenica normale quella dell’incontro Bologna-Siena, con tante iniziative per far accedere i piccoli allo stadio al costo simbolico di un euro, con un’accoglienza particolare in curva San Luca, con i giocatori di oggi e di ieri a salutare i piccoli nuovi tifosi. Ma sul campo ci sono tre punti non fondamentali, perché siamo solo a dicembre, ma che possono dire molto non solo per il Bologna ma per tutto il campionato. Come sempre c’è un imperativo, quello di non perdere, nello stesso momento fare tre punti vorrebbe dire non soltanto riprendere un cammino impostante, ma pure far tornare lo stesso Siena, così come le altre squadre che ora sono a 14 punti, nella lotta salvezza, praticamente reinserendo nella zona calda quasi la metà delle squadre del campionato. Questo porterebbe ad un abbassamento dei punti per ottenere la salvezza, con un campionato più equilibrato ma anche più bello. Per questa partita Pioli ha scelto la squadra dai piedi buoni in attacco, ma pure quella dei gregari a centrocampo. Mancano Perez e Kone e il tecnico ha scelto Casarini a sinistra e Pulzetti alla destra di Mudingayi, con la coppia di trequartisti Ramirez e Diamanti alle spalle di capitan Di Vaio. Ad entrambi i due giocatori di fantasia si chiede anche uno sforzo importante in copertura, perché se è vero che il Siena, come il Bologna, predilige il gioco in contropiede, non si può pensare di regalare tre pedine che non aiutano gli altri reparti. Diamanti questo ruolo lo ha già fatto ad inizio campionato e se l’è cavata egregiamente. Ramirez ci ha provato, non sempre ha ottenuto risultati esaltanti ma solo provando si migliora. In difesa confermati i centrali ci sono ancora alcuni dubbi sugli esterni. Garcs si gioca una maglia con raggi e Cherubin una con Morleo. Probabilmente sarà solo la rifinitura di sabato a dire qualcosa di più. In casa Siena non recupera Destro ed è una buona notizia, in avanti giocheranno Calaiò e Larrondo che due anni fa ha fatto molto male al Bologna di Colomba.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.