Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20160404.mp4

Nonostante manchi solo la matematica per decretare la retrocessione del Verona, il posticipo di questa sera delle 20.45 non potrà essere preso sottogamba dal Bologna. Saranno ben 400 i tifosi gialloblù al seguito della squadra e dunque gli uomini di Del Neri non potranno venire a chiudere mestamente il campionato anche solo per rispetto dei propri tifosi.
Ma se gli ospiti giocano per l’onore, il Bologna cerca da questa partita qualcosa di maggiore. Le sconfitte contemporanee di Frosinone, Carpi e Palermo offrono la possibilità straordinaria di poter arrivare a 11 punti dalla terzultima, arrivando a 39 punti e dunque il Bologna chiuderebbe il cerchio con la salvezza. Seconda motivazione è la voglia di tornare dalla parte sinistra della classifica visto che con i tre punti si supererebbero Torino ed Empoli e i ragazzi di Donadoni si metterebbero alla caccia di Chievo e Lazio, anche se il calendario, almeno per le prossime tre partite, non è favorevole ai rossoblù.
Con quale formazione scenderà in campo Donadoni? Sembra che il dubbio possa essere uno solo, quello dell’esterno destro. Infatti dopo l’esibizione di venerdì scorso allo stadio nel quale è stato provato il 3-5-2, nelle ultime sedute sembra confermato il modulo 4-3-3 con Oikonomou per lo squalificato Gastaldello al centro assieme a Maietta, mentre Masina si riprenderà la fascia sinistra, anche per l’infortunio di Morleo. Qualche dubbio per la fascia destra, dove Rossettini è favorito su Zuniga e Ferrari. A centrocampo dovrebbero tornare Taider, Diawara e Donsah, con Mounier, Floccari e Giaccherini in avanti. Vista l’assenza di Destro, che potrebbe tornare ad allenarsi già mercoledì, entrato nei 23 convocati anche Acquafresca e Zuculini, con quest’ultimo in predicato di poter scendere pure in campo ad un anno esatto dall’infortunio al crociato che gli ha fatto terminare lo scorso anno la stagione in anticipo.
Nel Verona fuori Toni e Siligardi, dietro a Pazzini potrebbe giocare un tridente di mezze punte che non dovrebbero, però, agevolare in fase di costruzione.
Arbitra l’incontro Ghersini di Genova, coadiuvato dagli assistenti Gava e Di Iorio e dal quarto ufficiale Manganelli

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.