Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Un vecchio tostapane, il televisore che non funziona più, il telefonino di qualche anno fa, le pile scariche, le lampadine fulminate. Dove buttare gli apparecchi elettrici o elettronici che non usiamo più? Spesso non lo sappiamo e ripieghiamo sulla raccolta indifferenziata. Da oggi si cambia musica: a Bologna arrivano i primi ‘cassonetti intelligenti’ d’Europa. Ogni conferimento di apparecchiature elettriche ed elettroniche sarà tracciato, anche utilizzando la tessera sanitaria, e grazie alla sperimentazione sarà possibile recuperare materiali preziosi oltre che tutelare l’ambiente.
I contenitori previsti sono di diverse tipologie. Quelli stradali, di color bordeaux, sono pensati solo per i piccoli elettrodomestici e saranno collocati nei quartieri Navile e Reno, oltre che nel comune di Castenaso. Gli altri due tipi di cassonetti saranno invece collocati in zone commerciali di alcune città della regione (Bologna, Ravenna, Ferrara e Rimini) in modo da coinvolgere più cittadini. I più grandi, nei parcheggi dei centri commerciali, potranno accogliere piccoli elettrodomestici, televisori, monitor, aspirapolveri, neon.
Inoltre sono previsti dei benefit per i cittadini più virtuosi, quali buoni d’acquisto per i supermercati.
La raccolta degli apparecchi elettrici consentirà anche il recupero dei materiali preziosi in essi contenuti. Un esempio? Da un forno a microonde si possono ricavare 9 chili di ferro, 1 chilo di plastica e 100 grammi di vetro.

Nel video: interviste a Tiziano Mazzoni, Dire. Servizi Ambientali Gruppo Hera; Patrizia Gabellini, Ass.re all’Ambiente Comune di Bologna; Giancarlo Dezio, Dir. Gen. Consorzio Ecolight
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/hera_cassonetti_20130507.mp4

Categoria: Attualità
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.