Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo le accuse della Federtennis riguardanti Simone Bolelli, reo di aver chiesto al proprio circolo di non tesserarlo per il 2009 – gesto visto come “un tentativo di sottrarsi alla giustizia sportiva, sul modello di quanto già fatto da Moggi in Calciopoli” – oggi c’è stata la replica del tennista bolognese e la conferma di adire le vie legali per l’intera vicenda.
“L’infelice paragone con ‘calciopoli’ – afferma in una nota l’avv. Paolo Nicodemo, legale del tennista – e con la strategia difensiva adottata dal Sig. Moggi, pubblicato sul sito federale, è del tutto inappropriato, in quanto Simone Bolelli non può avere alcun interesse a ‘sottrarsi’ ad un’eventuale squalifica, poichè è già stato pesantemente sanzionato dalla delibera del Consiglio Federale, con una ‘scomunica’ senza precedenti adottata all’indomani dell’incontro di Coppa Davis Italia-Lettonia”.
Bolelli e il suo allenatore Claudio Pistolesi intendono ribadire che “l’unico scopo della loro rinuncia al tesseramento Fit consiste nella volontà di non intrattenere più alcun rapporto con l’attuale dirigenza federale, in conseguenza dei pesantissimi attacchi personali subiti nell’ultimo periodo”.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.