Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Negli ultimi dodici mesi i tifosi del Cesena hanno conosciuto ogni tipo di sensazione e vissuto ogni tipo di situazione. Dallo sconforto per la retrocessione in Prima Divisione, discesa avvenuta dopo quattro stagioni, all’euforia per le ultime quattro vittorie consecutive avvenute a dicembre che sono valse il terzo posto in classifica con cui i romagnoli sono arrivati alla pausa invernale.
Dell’ultima avventura in serie B cesenate c’è ben poco da ricordare se non la prima annata da presidente di Igor Campedelli, ruolo ricoperto dal novembre 2007, che non è di certo stata positiva.
Partito con l’obiettivo salvezza, il Cesena ha conosciuto sin dalle prime giornate le ultime posizioni in classifica, rivoluzionando i propri piani e ponendosi come traguardo quello di raggiungere i playout.
Il cambio in panchina di Castori, esonerato per mano dei cugini riminesi, dato ancora più sconfortante per i tifosi bianconeri, non ha portato i frutti sperati e anche Vavassori, subentrato ad inizio anno, non ha cambiato la marcia, tanto che nel rush finale è stato richiamato proprio il tecnico di Tolentino.
Incapace di vincere nelle ultime giornate e incassando soltanto sconfitte, il Cesena ha ottenuto la retrocessione matematica un paio di settimane prima dell’ultimo turno.
Le maggiori recriminazioni di dirigenti e tifosi arrivano però dall’estate, quando al posto dei romagnoli è stato ripescati in serie B l’Avellino, formazione con diversi problemi economici e che non dava garanzie di nessun tipo a livello di pagamenti di stipendi e di iscrizione. Il Cesena si è sentito in qualche modo beffato da tale decisione, ed è per questo che la campagna acquisti estiva è partita in ritardo proprio per conoscere il destino futuro.
Rassegnatasi alla Prima Divisione, la dirigenza ha poi allestito un organico competitivo affidandolo a Bisoli, ma il nuovo anno si è aperto con due ko consecutivi in casa con la Reggiana e nel derby con il Ravenna.
Trovata la quadratura del cerchio, il Cesena è caduto rovinosamente a Venezia e questo pareva essere il punto di non ritorno della stagione. La squadra invece è uscita da questa crisi alla grande ottenendo quattro vittorie consecutive, battendo anche l’allora capolista Spal, volando al terzo e rilanciando le proprie ambizioni.
Ora il Cesena è atteso da un 2009 da protagonista per cercare il salto in B, cancellando l’ultima fallimentare esperienza in quel campionato.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.