Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Sarà una bella battaglia, un Paladozza che si presenta caldo e soprattutto pieno. Domenica sera, con la partita posticipata alle 19.30, la Biancoblù affronta Ferentino per giocarsi quella che sarà una sorta di saluto ad una squadra che comunque vada ha fatto una stagione ben superiore a ogni attesa. Partita con un budget tra i più bassi della Legadue, con due giocatori, Drenovac e Diviach, praticamente mai utilizzati e un giovane come Matteo Montano messo nelle rotazioni quasi per patria volontà, sembrava dovesse festeggiare il boom di Napoli per una salvezza conquistata prima sulla carta che sul campo. A questo il vero trascinatore di questa squadra coach Stefano salieri, non ci ha mai pensato. Per lui l’unico credo cestistico è il lavoro in palestra: lungo, intenso e da effettuarsi con una certosina perfezione. Così è riuscito ad andare oltre i lunghi infortuni di Pecile e Cournooh, alla forma ondivaga di Harris ed è riuscito a far crescere Vitali fino a farlo divenire uomo-squadra, capace di togliere spesso le castagne dal fuoco. Senza dimenticare che ci sono giocatori come Pini che fanno della loro concretezza un’arma in più e altri come Verri che non è riuscito, sempre a causa degli infortuni, a dare tutto in questa stagione.
Domenica questa squadra se riuscirà ad avere la meglio su Ferentino avrà la certezza dell’ottavo posto, ma potrebbe pure arrivare settima. Giocare i play off con Pistoia o Barcellona non sarà agevole, ma siamo certi che nessuno si tirerà indietro, anzi per tutti è come se l’urlo dei tanti tifosi che hanno seguito la squadra a Imola “Salutate la Fortitudo”, li avesse portati già al prossimo anno, quando il nome e il logo sarà nuovamente sulle maglie biancoblu.

Servizio di Matteo Fogacci

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/biancoblu_20130430.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.