Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Vendi a Napoli e poi muori. La Biancoblù cede i diritti alla neonata società partenopea e termina la sua avventura nel basket. Vi sarà una conferenza stampa domani alle 16 presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, alla presenza dell’Assessore allo sport del Comune di Napoli Pina Tommasielli. Questo per dire che vi è l’ufficialità, anche se i dettagli dell’operazione difficilmente verranno svelati in quella sede. A Bologna si tratta solo di capire se i debiti li ha saldati Romagnoli o l’acquirente, ma, in realtà, poco cambia: la sostanza è che la Biancoblù è morta, la Fortitudo è viva. In realtà siamo in sala parto e tocca alla Casa Madre decidere se far venire alla luce colei che è stata attesa non per nove mesi ma per qualche anno. La S.G. è rimasta, ultimamente, molto scottata dalle vicende della sezione basket, per anni ha accettato l’ascensore tra la A1 e la A2, le nozze con i fichi secchi, avrebbe pure accettato, 20 anni fa, la serie B, ma le umiliazioni a cui è stata sottoposta da Sacrati in poi proprio no. Poi, sia chiaro, chi è causa del suo mal pianga se stesso, perchè ha innegabilmente sbagliato cavallo. Quando ha deciso di appoggiare in tutto e per tutto Giulio Romagnoli, indipendentemente dal parere dei tifosi, ha commesso un errore e non vorrebbe commetterlo ancora. Il più grosso sarebbe, ora, quello di non dare il proprio placet a questo progetto, realisticamente l’unico grazie al quale una realtà che pareva morta può sopravvivere. Questi anni hanno dimostrato una cosa che, parafrasando un noto slogan calcistico, “la Fortitudo è di chi la ama”. D’ora in poi sarà bene che nessuno lo dimentichi…

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_basket_20130528.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.