Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E siamo a due. Parliamo delle richieste dell’allenatore che sono state subito soddisfatte dalla società rossoblu. Si perchè dopo Diamanti, fortemente voluto da Bisoli, oggi è arrivato anche Raggi. L’ex rossoblu, che ha disputato già due anni con la maglia del Bologna, anche nella stagione della salvezza di Colomba, stamane era a Villa Alba per le consuete visite mediche prima di raggiungere i compagni a Sestola, dove il suo arrivo è già atteso molto probabilmente per domani. Raggi ha firmato un biennale che lo legherà al club di Casteldebole. Setti e Zanzi sono riusciti a strappare il difensore del Palermo quasi a parametro zero visto che il giocatore non rientrava nei piani della società rosanero e di patron Zamparini. Il Bologna per non perdere tempo in varie trattative che avrebbero rallentato l’acquisto ieri sera ha contattato il Palermo e ha trovato direttamente un accordo, visto che il giocatore aveva già dichiarato più volte di essere ben contento di tornare a vestire la casacca rossoblu. Bisoli adesso ha a sua disposizione , salvo vendite improvvise o quasi improvvise di qualche giocatore per incassare una cifra davvero onerosa, quella che dovrebbe essere la formazione partente del campionato. Il condizionale è d’obbligo in questi giorni, dove Ramirez fa come si vuol dire il bello e cattivo tempo. Si perchè prima era pronto, secondo i suoi procuratori, per approdare verso una grande squadra che gioca a livelli europei; ora che il grande Club non ha bussato alle porte di Casteldebole, visto che traendo le somme l’unica squadra che ha fatto una vera proposta è la Fiorentina, lui o forse meglio dire i suoi procuratori, vorrebbero che l’ingaggio dell’uruguagio aumentasse portandolo a 1milione di euro all’anno. Insomma sembra che Ramirez sia davvero inquieto, o che chi dovrebbe aiutarlo nella sua crescita stia remando contro. Intanto Guaraldi, che sentendo l’aria di quasi un ricatto è partito per godersi le ferie, lasciando a Zanzi e Setti la delega di conclude l’affare di Raggi ma non quella di vendere a nessuna cifra il Nino.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.