Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

A questo punto si può cominciare a dire davvero che è nata una stella. Difficile associare il Belinelli degli anni scorsi, una specie di comparsa nel grande circo Nba, a quello rigenerato di questo inizio di stagione: ora il persicetano, oltre a tagliare il traguardo dei primi 1000 punti realizzati in NBA, ha letteralmente scritto la storia degli Hornets, che sospinti dai suoi canestri hanno per la prima volta realizzato il record di sei vittorie su sei in avvio di stagione. I miglioramenti di Marco sono palesati ancor più chiaramente dalle sue cifre: la media stagionale di punti a segno è praticamente raddoppiata (11 a partita contro il 6,3 dei tre anni precedenti), sono migliorate le percentuali di tiro totali e soprattutto quelle da tre (dove ora viaggia con un superbo 42,3%), mentre sono addirittura raddoppiati i rimbalzi, come a dire che il suo miglioramento è stato davvero a tutto campo. Poi, perché (in pieno stile americano) Belinelli potesse davvero ambire ad entrare nella storia del basket statunitense, mancava ancora il colpo di scena, la “magata” di cui parlano tutti i giornali e tutti i notiziari televisivi, ed ora è arrivata anche questa. Sabato sera a Milwaukee, ovviamente in diretta televisiva, Belinelli a due secondi dalla fine del secondo quarto ha preso un rimbalzo difensivo, ha fatto qualche passo ed ha lasciato partire da oltre 20 metri un tiro pazzesco che si è infilato nel canestro senza quasi toccare la retina, dopo aver percorso in volo tre quarti del campo. La rivincita di Belinelli è sancita dai suoi numeri e dalla sua nuova presenza in campo, ma è fuori di dubbio che episodi come questo potranno davvero farlo diventare un mito.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.