Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Un tempo la partita con Siena era un vero e proprio evento, che, peraltro, in alcuni casi, valeva uno scudetto o una Coppa Italia. Oggi non è altro che la seconda tappa del “€œtour enogastronomico” presentato
da Sabatini. Quindi, domenica alle 18 e 15, c’è caso che si pensi più alla fiorentina, con la minuscola, intesa come bistecca, che non alla vittoria. Tra parentesi non facile da raggiungere, perchè la Montepaschi non è quella di un tempo, ma resta una squadra di alto livello per il campionato italiano, nonostante abbia perso 5 delle ultime 6 partite: oltretutto ha pensato bene di aggiungere Dionte Christmas. In Europa non è, invece, particolarmente competitiva, ma è un altro livello, del
resto, fuori dai confini nazionali, anche Ibraimovich smette di fare gol… Insomma, per la Virtus dei ragazzini, come ha sottolineato Bechi, può essere una grande esperienza, da sfruttare a tutti i costi. Con Venezia, peraltro, la sensazione è che i vari Imbrò, Fontecchio e Landi abbiano dato tanto di più dei Minard, degli Hasbrouck e degli Smith. Di questi tre americani due se ne sono andati lamentando pendenze, uno è stato messo fuori rosa dopo avere giocato mesi letteralmente in pantofole. Tutte cose che i tifosi virtussini non accettano, per questo sarebbero molto lieti se alcune voci fossero confermate, in particolare a livello dirigenziale, dove si parla dell’ex idolo Dusan Vuckcevic, uno che conosce il basket, lo giocava come un Papa, e parla 5 lingue: da prendere subito, poi lo verificheremo all’esordio. A livello panchina i nomi sono quelli di Paolino Moretti, Piero Bucchi e Sugar Ray Richardson. Il primo sarebbe un’ottima scelta, anche se il suo passaggio alla Fortitudo non fu molto gradito, con relativo striscione offensivo. Il secondo, scuola Virtus, è un buon allenatore, il terzo una stella sul campo, non solo qui ma anche in NBA, ma come coach tutto da verificare. A proposito di tifosi, in occasione della partita con Cantù daranno vita ad una manifestazione di protesta intitolata “€œFuori Sabatini, dentro i
virtussini”€. Anche lui avrà , insomma, il suo 5 maggio, come Napoleone e come l’Inter: almeno è in buona compagnia….

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_virtus_20130412.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.