Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Giudice Sportivo ha sospeso l’omologazione della gara tra Banca Tercas Teramo-Gmac Bologna. Gli abruzzesi si sono imposti per 73-72, conquistando il terzo posto in classifica e decretando la retrocessione della Fortitudo in Legadue. Il gm bolognese Zoran Savic aveva immediatamente annunciato il reclamo: “Perchè il nostro direttore sportivo Renato Nicolai ha ricevuto una bottiglietta d’acqua sul viso e ha dovuto abbandonare il campo e il suo ruolo – ha spiegato – Per l’ultimo canestro di Malaventura annullato ingiustamente alla fine del terzo quarto. Mancavano 3 decimi, c’è stata la rimessa e immediatamente il tap in di Matteo, non si capisce il motivo del non convalidamento. Per l’ultimo tiro di Scales che aveva subìto anche fallo e che un arbitro aveva rilevato”.

Il Giudice Sportivo, inoltre, ha squalificato per due giornate il parquet del club abruzzese “per lancio di oggetti non contundenti (palle di carta) collettivo e frequente colpendo – si legge nel comunicato della Fip – perchè a 4″ dal termine della gara il dirigente accompagnatore della società Fortitudo Bologna, sig. Nicolai R., veniva colpito al volto da una bottiglietta d’acqua che provocava la perdita di sangue ed il conseguente abbandono del terreno di gioco”. Ora la società può fare ricorso per farsi ridurre o cancellare la squalifica, altrimenti dovrà giocare lontano dal PalaScapriano gara 1 e gara 3 della serie dei quarti di finale contro l’Armani Jeans Milano.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.