Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

In campo domenica alle 18,15 la Virtus all’ Unipol Arena contro la Reyer Venezia. Sembra di tornare al passato, a quando le due compagini si affrontavano in tempi pionieristici: quelli in cui in campo andavano solo italiani. Beh, per una volta, almeno da parte bianconera, questo scenario potrebbe materializzarsi. Sabatini non vuole rinunciare ai 210000 euro assegnati alla società che, nel corso della stagione, anzi, al termine della ventisettesima giornata, avrà dato più spazio agli atleti nati nello “Stivale”. Meglio dire che non vuole rinunciare nemmeno agli 84000 euro di differenza tra primo e secondo posto, occupato, attualmente, da Caserta. Onestamente diventa difficile dargli torto, perchè quei soldi sono importanti, in qualche modo fanno parte del bilancio preventivo, come ha ammesso lo stesso Presidente Bertolini. Certo non è bello dirlo, non è bello dire ai tifosi che devono stare zitti perchè contano, portafoglio alla mano, un quinto dei 14 soci della Fondazione, ma è così. Piuttosto è la regola che è valida a livello concettuale, ma, nella pratica, porta a queste situazioni. L’anno scorso la Virtus trovò un accordo con Teramo, per non falsare il campionato e la Federazione, memore del precedente, ha pensato bene di calcolare il minutaggio a tre giornate dalla fine dello stesso: niente da fare, il problema si è riproposto e pure in anticipo… E’, insomma, assolutamente concreta la possibilità che domenica non tocchi il campo chiunque non sia nato in Italia. Pronostici? Venezia favorita, se va così, e, forse, comunque. E poi non mi meraviglierei di una contestazione a Sabatini, almeno leggendo i social network. Poi se sono tutti “leoni da tastiera”, come non detto…
La Biancoblù attende Veroli al Paladozza, con il chiaro obiettivo di ottenere due punti preziosi in ottica play off. Gli ospiti, che pure avevano iniziato la stagione con ambizioni importanti, hanno vinto tre delle ultime dieci partite, complice anche la partenza di Walker, una “prima punta” da 18 punti di media, che ha scelto di tornare negli States, si vocifera, per problemi economici. Non molla, invece, Paul Marigney, che dovrà fisiologicamente giocare più palloni e il trio italico Infante-Bruttini-Rinaldi. Salieri, intanto, ritrova Verri e vede crescere la condizione fisica di Harris e Mosley, reduci da problemi che ne avevano limitato le prestazioni. Questa è una partita assolutamente da vincere, perchè, anche se si guarda alla prossima annata in cui ci si chiamerà Fortitudo, sarebbe molto bello chiudere il tutto con un play off. E, con la squadra al completo, chissà che Salieri non faccia divertire i tifosi della Biancoblù…

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_basket_20130405.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.