Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ tutta una questione di punti di vista: per i giocatori una settimana di allenamenti senza partite è una noia mortale, per gli allenatori invece è la miglior fortuna possibile avere gli atleti ogni giorno in palestra, senza match infrasettimanali e, soprattutto, lunghi e stancanti viaggi. Lungi da noi prendere posizione su questa diatriba (anche perché, in fondo, hanno ragione entrambi, per ragioni diverse), ma sta di fatto che, da questa settimana, il problema non si pone più, dal momento che, finito ufficialmente il periodo della settimana intensa di lavoro in attesa della partita della domenica, Fortitudo e Virtus cominciano all’unisono le proprie avventure europee. La GMac Real Estate IPG (lo sponsor dal nome più lungo della storia, urge trovere un diminutivo) esordisce quest’oggi in terra teutonica, in quel di Quakenbrück, cittadina di appena 13.000 anime ma ben 9 americani in squadra: basterebbe questo dato a preoccupare coach Sakota. Non bastasse, potrebbe servire ricordare come lo scorso anno la Benetton, su questo campo, ci ha già lasciato le penne. A casa Bagaric e Woods per infortunio, la F scudata è partita con aggregati i nuovi innesti Fucka e Strawberry, anche se solo oggi imparerà se potrà o meno schierarli. Si tratta di un impegno gravoso, lo si è già detto, ma cominciare con una vittoria, per quanto difficile, sarebbe doppiamente vitale, per indirizzare subito la classifica continentale ed anche (anzi soprattutto) per il morale, da rinsaldare dopo i recenti alti e bassi. Domani, poi, toccherà alla Virtus, in una due giorni europea già importante per entrambe.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.