Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Come da previsioni si è concretizzata la tripletta a favore della Fortitudo Italeri, che così chiude nel migliore dei modi una stagione regolare da incorniciare (meglio del 2003 e del 2004). Non era certo un avversario ostico questo Rimini, con l’organico ridotto all’osso, tuttavia i Pirati escono a testa alta dal Gianni Falchi, costringendo la capolista agli extrainning in gara2. Decisivo nella circostanza il “walk off homerun” di Richard Austin, che con il fuoricampo in campo opposto di gara3 porta a 10 le sue battute oltre la recinzione, vincendo così la speciale classifica, tallonato a una lunghezza da Carvajal, che ha tentato l’aggancio fino all’ultimo. Per l’esterno americano anche la “corona” del maggior numero di punti battuti a casa del torneo. Numerose le rotazioni operate da Marco Nanni sul monte di lancio, nei lineup e nelle formazioni difensive proposte nel weekend. Prestazione corale dei biancoblu che escono ottimamente in tutti i reparti, anche se la difesa si è presa una comprensibile pausa nell’ultima gara, pur rimanendo alla fine la migliore delle otto formazioni IBL, così come per quanto riguarda il monte di lancio. Oltre al già citato Austin (4 valide, 2 fuoricampo e 5 RBI), ottime prestazioni dal box di Connell (4 su 10), del rientrante Frignani (3 su 9) e di Angrisano (3 su 9). Bene anche Gasparri (2 su 5 e 2 RBI) e lo sfortunato Mazzuca (2 su 4), costretto ad uscire dal campo in gara3, colpito violentemente sul caschetto da un lancio del pitcher avversario. Sul mound, shutout combinata in gara1 per la coppia Matos – Vargas, ottime anche le prestazioni in gara2, con George alla sua prima vittoria stagionale e Cillo che conserva il secondo posto come migliore media punti guadagnati fra i lanciatori con almeno 42 riprese lanciate. Bene anche il quartetto di lanciatori italiani impegnato nell’ultima partita, con seconda vittoria stagionale per il giovane Paoletti. Dagli altri campi, pirotecnico trittico (almeno in gara1 e gara3) sotto il Titano, che ha visto prevalere il Nettuno, che così conserva il secondo posto in classifica. Il San Marino conquista comunque i meritati playoff, fermandosi però al quarto posto, dietro al Grosseto che supera agevolmente un dimesso Parma, che in gara3 subisce una “no hit” dai quattro lanciatori alternati da Mazzotti. Ininfluente il 2 a 1 del Godo sul Redipuglia, che comunque legittima la salvezza già conquistata dai ravennati. I bolognesi hanno quindi messo in fila gli avversari, contribuendo a disegnare l’ordine di classifica finale. Delle otto sconfitte maturate, infatti, un paio sono state concesse ad ognuna delle altre squadre ammesse ai playoff (Nettuno, Grosseto e San Marino), una a testa al Parma e al Rimini e nessuna alle ultime due squadre classificate, Godo e Redipuglia. I biancoblu affronteranno come prima avversaria del girone di semifinale playoff la T&A San Marino (gara3 mercoledì 6 agosto a San Marino, gara1 e gara2 a Bologna, venerdì 8 e sabato 9), poi il Grosseto (mercoledì 13 in Maremma, venerdì 15 e sabato 16 a Bologna), infine il Nettuno (mercoledì 20 sul Tirreno, venerdì 22 e sabato 23 a Bologna).

I risultati della quattordicesima giornata
T&A San Marino – Danesi Nettuno 1-2 (14-4; 1-2; 6-19)
Fortitudo Bologna – Telemarket Rimini 3-0 (3-0; 3-2*; 9-3) * al 10°
De Angelis Godo – Rangers Redipuglia 2-1 (3-0; 5-12; 10-4)
MPS Grosseto – Cariparma Parma 3-0 (4-0; 6-0; 5-0)

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.