Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Inizia a San Marino l’avventura playoff 2008 della Fortitudo Italeri, con playball previsto per mercoledì 6 agosto, alle 21. Contemporaneamente a Grosseto si affronteranno la Montepaschi e la Danesi Nettuno. Le due partite sono riservate ai lanciatori di scuola italiana (ASI), poi, a campi invertiti, ci si trasferisce rispettivamente a Bologna e Nettuno per giocare le altre due gare, sempre con orario di inizio previsto per le 21. Venerdì 8 agosto si giocheranno le partite in cui possono lanciare gli stranieri, mentre sabato 9 agosto si completa la prima giornata del “round robin” di semifinale, con la partita riservata ai lanciatori italiani, ma con la possibilità di utilizzare sul “mound” anche atleti non di scuola italiana.

Sono due, dunque, le partite che avranno in questo fine settimana come teatro lo stadio Gianni Falchi di Bologna, e sarà così anche nei due successivi weekend, quando i bolognesi affronteranno rispettivamente il Grosseto e il Nettuno. La società biancoblu ha fissato nei giorni scorsi i prezzi dei biglietti e degli abbonamenti. Questi ultimi possono essere validi per le sole sei partite di semifinale, oppure “full”, cioè tessere che assicurano anche l’ingresso in tutte le partite dell’eventuale finale, che si terrà dal 29 agosto al 6 settembre.
Dunque sotto il Titano il manager biancoblu Marco Nanni potrà schierare la formazione titolare, con la possibilità di utilizzare contemporaneamente il ricevitore Angrisano e il seconda base Mazzuca, vista la presenza di un giocatore “ASI” sul monte di lancio, a garantire il pieno rispetto della regola che obbliga le società a schierare in ogni gara cinque atleti di scuola italiana. Unico dubbio che permane nella mente di Nanni riguarda le posizioni di esterno sinistro e battitore designato, con quattro “papabili” per partire titolari in questi due ruoli (Frignani, Gasparri, Landuzzi e Bonci). “La mia valutazione in merito dovrà tenere conto dell’esigenza di presentare una squadra equilibrata” – dichiara il manager bolognese – “mentre per quanto riguarda il monte di lancio, il partente sarà Fabio Betto, poi gli altri a seguire a seconda delle esigenze”. Il lanciatore trevigiano ha concluso la stagione regolare con 7 vittorie e 1 sconfitta (mpgl 3.56) e, salvo sorprese, se la vedrà con il giovane Matteo Tonellato (3-3, 4.83). I rilievi a disposizione per Bologna sono Matteo D’Angelo (2-0, 2.25), Riccardo Paoletti (2-0, 3.38), Alfredo Delgado (1-1, 2.55) e il “closer” Fabio Milano (2-2, 2.25, 4 salvezze), mentre San Marino può contare su Luca Martignoni (5.2, 7.03), William Lucena (0-1, 14.79) e sul “closer” Pete Nyari (1-1, 3.38, 7 salvezze). La partita di venerdì vedrà invece protagonisti i bolognesi Matos e Vargas (10-3 e 6 salvezze il loro bottino stagionale), mentre la T&A può contare su tre lanciatori stranieri (9-3 e 4 salvezze complessivamente), potendo schierare oltre a Estrada e Looney il recuperato ex biancoblu Figueroa. Il sabato infine per i biancoblu scenderanno in campo Cillo e George (10-1 e 2 salvezze), mentre i Titani possono utilizzare Da Silva, Orta e Marrone (7-7, 1 salvezza).
Una sfida che, qualora dovessero riproporsi gli equilibri della regular season, vede una supremazia dei bolognesi, in discussione solo nella gara riservata ai lanciatori stranieri. Così è stato nelle sei gare sin qua disputate, che hanno visto prevalere i Titani proprio in queste due partite e soccombere nelle altre quattro gare. Ma come è noto, i playoff sono tutta un’altra storia.
Toccherà dunque all’attacco biancoblu, che nelle ultime settimane ha ritrovato le mazze di Frignani e Gasparri, farsi valere, anche perché gli avversari con il bastone non scherzano. Appassionati duelli a distanza, dunque, fra Buccheri e Bautista, Vasquez e Liverziani, De Biase e Austin, Rovinelli e Connell, Matamoros e Mazzuca o Angrisano, Sheldon e Frignani, La Fera e Pantaleoni, Imperiali e Gasparri e così via. Uno spettacolo da non perdere per nessun motivo, che vedrà duramente impegnate le difese che fino a questo punto della stagione si sono dimostrate le più solide dell’Italian Baseball League.
“Dopo aver raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti ad inizio stagione, cioè quello di disputare i playoff” – conclude Marco Nanni – “a questo punto non vediamo l’ora di scendere in campo per giocarcela sino in fondo”.
Dunque sotto il Titano il manager biancoblu Marco Nanni potrà schierare la formazione titolare, con la possibilità di utilizzare contemporaneamente il ricevitore Angrisano e il seconda base Mazzuca, vista la presenza di un giocatore “ASI” sul monte di lancio, a garantire il pieno rispetto della regola che obbliga le società a schierare in ogni gara cinque atleti di scuola italiana. Unico dubbio che permane nella mente di Nanni riguarda le posizioni di esterno sinistro e battitore designato, con quattro “papabili” per partire titolari in questi due ruoli (Frignani, Gasparri, Landuzzi e Bonci). “La mia valutazione in merito dovrà tenere conto dell’esigenza di presentare una squadra equilibrata” – dichiara il manager bolognese – “mentre per quanto riguarda il monte di lancio, il partente sarà Fabio Betto, poi gli altri a seguire a seconda delle esigenze”. Il lanciatore trevigiano ha concluso la stagione regolare con 7 vittorie e 1 sconfitta (mpgl 3.56) e, salvo sorprese, se la vedrà con il giovane Matteo Tonellato (3-3, 4.83). I rilievi a disposizione per Bologna sono Matteo D’Angelo (2-0, 2.25), Riccardo Paoletti (2-0, 3.38), Alfredo Delgado (1-1, 2.55) e il “closer” Fabio Milano (2-2, 2.25, 4 salvezze), mentre San Marino può contare su Luca Martignoni (5.2, 7.03), William Lucena (0-1, 14.79) e sul “closer” Pete Nyari (1-1, 3.38, 7 salvezze). La partita di venerdì vedrà invece protagonisti i bolognesi Matos e Vargas (10-3 e 6 salvezze il loro bottino stagionale), mentre la T&A può contare su tre lanciatori stranieri (9-3 e 4 salvezze complessivamente), potendo schierare oltre a Estrada e Looney il recuperato ex biancoblu Figueroa. Il sabato infine per i biancoblu scenderanno in campo Cillo e George (10-1 e 2 salvezze), mentre i Titani possono utilizzare Da Silva, Orta e Marrone (7-7, 1 salvezza).
Una sfida che, qualora dovessero riproporsi gli equilibri della regular season, vede una supremazia dei bolognesi, in discussione solo nella gara riservata ai lanciatori stranieri. Così è stato nelle sei gare sin qua disputate, che hanno visto prevalere i Titani proprio in queste due partite e soccombere nelle altre quattro gare. Ma come è noto, i playoff sono tutta un’altra storia.
Toccherà dunque all’attacco biancoblu, che nelle ultime settimane ha ritrovato le mazze di Frignani e Gasparri, farsi valere, anche perché gli avversari con il bastone non scherzano. Appassionati duelli a distanza, dunque, fra Buccheri e Bautista, Vasquez e Liverziani, De Biase e Austin, Rovinelli e Connell, Matamoros e Mazzuca o Angrisano, Sheldon e Frignani, La Fera e Pantaleoni, Imperiali e Gasparri e così via. Uno spettacolo da non perdere per nessun motivo, che vedrà duramente impegnate le difese che fino a questo punto della stagione si sono dimostrate le più solide dell’Italian Baseball League.
“Dopo aver raggiunto l’obiettivo che ci eravamo posti ad inizio stagione, cioè quello di disputare i playoff” – conclude Marco Nanni – “a questo punto non vediamo l’ora di scendere in campo per giocarcela sino in fondo”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.