Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il pronostico non era difficile, ma la vittoria della Juventus sul Livorno di ieri sera ha contribuito a rasserenare il lavoro settimanale di Ballardini cominciato nel pomeriggio a Casteldebole. La partita di Milano è stata importante per tre motivi: il risultato, il modulo ritrovato e lo spirito messo in mostra. Tanto che ora, i bookmakers inglesi lanciando le quote sulla lotta salvezza pronosticano la retrocessione per Catania, Sassuolo e Livorno. Ovviamente per i rossoblù non può che essere considerata come una sfera di cristallo, ovvero un calcolo basato sulle probabilità, ma è pure l’idea che da un futuro tutto nero è possibile, almeno fino a domenica alle 12.30, viviere con la speranza che questa partita possa essere, se non il salto di qualità che oramai nessuno si attende, almeno un piccolo trampolino. I tre punti sarebbero quasi salvifici, ma pure muovere la classifica non sarebbe male, considerando che Livorno e Chievo giocheranno una partita per loro fondamentale, così come Sassuolo-Cagliari, mentre il Catania va a San Siro con un Milan in piena rimonta.
Tutti abili e arruolati a Casteldebole, dunque per il derby della via Emilia contro il parma è probabile la riproposizione della squadra scesa in campo con l’Inter. Probabile il ritorno sulla fascia sinistra di Morleo, mentre a centrocampo andranno verificate le condizioni di Perez, tenuto conto, comunque, che Pazienza ha meritato sul campo la riconferma. Stesso discorso per le punte, con Acquafresca bocciato dalle stesse parole del tecnico, che gli ha concesso molte opportunità, mai sfruttate fino in fondo dall’attaccante, perchè andare vicino al gol è molto differente dal metterla dentro. E facile o difficile che fosse la conclusione al 90° di Milano, il tecnico nel dopo partito dicendo “un attaccante deve comunque far gol o prendere rigore” ha fatto capire che la misura è colma. Comunque gli uomini su cui puntare sono soprattutto due, un Lazaros che convince sempre più per dinamismo e personalità e l’unico giocatore di classe rimasto in squadra, quel Panagiotis Kone che è mancato tantissimo in una stagione che tra infortuni e cali di forma lo ha visto troppo poco protagonista.
Ora il greco è tornato, a Milano segnando la quinta rete in campionato è diventato, senza rigori, il goleador della squadra e si spera possa trascinare il gruppo.
Infine la difesa: Mantovani ha deluso e dunque è probabile che torni Cherubin. Un piccolo consiglio a Ballardini: battezzi uno dei due per il bene di entrambi ma pure di tutto il gruppo.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20140408.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.